GP Italia 2008 2


Una considerazione sulla vittoria di Vettel di domenica.
Perché forse non ci si è resi pienamente conto di quello che è successo. La vittoria di ieri credo che sia qualcosa di più della prima di Schumi in Belgio nel 92, o di Senna in Portogallo nell'85, o di Alonso in Ungheria nel 2003, o di Hamilton in Canada l'anno scorso, o di Raikkonen in Malesia 2003, o di Kubica quest'anno.
Perché in tutti questi casi si parlava di piloti in squadre di primo piano, o comunque a ridosso dei primi.
Ieri Vettel guidava una Toro Rosso!!! Una cosa che sino a tre Gran Premi fa faceva notizia se superava fase 1 delle qualifiche.
Adesso dire che la Toro Rosso sia ancora la chioccia della Formula 1 mi sembra un po' un'ipocrisia, così come saltar fuori e scoprire che è diventata la terza forza del campionato sembra un po' esagerato.
Al solito la verità è nel mezzo... e nel talento di Sebastian.

2 commenti:

Waddle ha detto...

Questa vittoria ha sicuramente qualcosa di epocale e Vettel ha dimostrato di essere un grandissimo. Merito però anche alla squadra, anche Bourdais in qualifica ha fatto un tempo eccezionale, significa che il setup era ottimo.

acorba67 ha detto...

Sì, sarebbe stato carino vedere anche Bourdais partire nella giusta posizione.

Powered by Blogger.