Quali regole?


Nel 2004 siamo nel pieno della confusione mentale per quanto riguarda il format delle prove ufficiali; ne vengono fuori di tutti i colori. Per l'anno in corso si prova con due sessioni: nella prima si segnerà un tempo buono per decidere l'ordine d'uscita durante la seconda sessione decisiva. Il migliore partirà per ultimo nella seconda, e così via. Il giro rimane secco.
Siamo in Inghilterra, terra di circuiti fantastici immersi nel verde, e di pioggia. Per le prove ufficiali del sabato si prevedono precipitazioni verso la fine della seconda sessione.
E quindi?
Quindi si assiste a una fantastica prima sessione al contrario: nel senso che l'obiettivo per tutti diventa non fare il miglior tempo, ma andare il più lento possibile per partire prima degli altri nella sessione decisiva; il tutto senza farsi capire troppo dai commissari, perché da qualche parte nel regolamento è specificato che rallentare spontaneamente è considerato comportamento antisportivo e come tale sanzionato.
Come tanti neo-patentati si assiste a tutta una serie di testacoda telecomandati da parte di fior fior di piloti (Schumacher per esempio), dritti da esame di scuola guida (Barrichiello), curve prese completamente fuori traiettoria (Montoya e altri) e tante finezze simili.
Anche Raikkonen, allora in Mclaren, è fra uno di quello che si preoccupa di non andare troppo veloce. A dirla tutta è uno dei più onesti, si classifica settimo, ma la cosa suscita lo stesso un vespaio.
A prove concluse - per la cronaca la pioggia non si è vista e Raikkonen si è preso la pole nonostante partisse fra i primi nella seconda sessione - la domanda è sempre quella per tutti.
Forse Kimi risponde in quel modo un po' tanto automatico perché le domande che gli vengono poste sono altrettanto ripetitive. Fatto sta che all'ennesima versione della domanda: non credi che sia giusto squalificare i piloti che hanno rallentato volontariamente visto che esistono delle regole? lui alza le spalle, guarda l'orizzonte, e con la massima naturalezza se ne esce:
- Regole? Quali regole?

Nessun commento:

Powered by Blogger.