Cosa rimarrà del 2008 - 3


Si continua con gli avvenimenti da ricordare, questa volta si parla di delusioni, piccole o grosse che siano state, estese a tutta la stagione o limitate a una sola curva, comunque sia il concetto è quello: qualcosa che non è andata come è previsto.
La non stagione di Kimi:
si è preso sei mesi di vacanza, diciamo dal Gp di Francia in poi, non può essere altrimenti; un po' come nel 2006 e 2004. Il buon Kimi viaggia ad anni alterni. Stando così sono da aspettarsi cose grosse nel 2009, anche perché in caso contrario parecchi dalle parti di Maranello sono pronti ad aspettarlo al varco, e la sua carriera subirebbe la flessione definitiva.
La non stagione della Honda: ha uno dei budget più alti della Formula 1, ha Ross Brawn, ha colorato la macchina con una livrea inguardabile, ma ha anche Barrichello e Button, e forse qui sta il problema?
I cinque testacoda di Massa a Silverstone: troppi, troppi, anche per uno che non è mai stato un fulmine da guerra sul bagnato, ma una gara del genere è da girare la faccia dall'altra parte e far finta di niente.
Gli errori ai box Ferrari: Silverstone e il non cambio gomme di Raikkonen; il tubo benzina svolazzante di Singapore. Bastano questi due episodi a marchiare la stagione 2008 come sicuramente non una delle migliori per la rossa, perlomeno lato muretto box.

Nessun commento:

Powered by Blogger.