Voleva esserci anche lui


Nonostante avesse ormai 58 anni, lo stesso non voleva mancare. Alle porte c'era il neonato campionato del mondo di Formula 1, e uno come Tazio Nuvolari, colui che aveva perfezionato "il modo" di correre in auto, doveva essere presente.
Per lui venne approntata una nuova auto dalla Cisitalia, la 360 "Grand Prix", progettata da Ferdinand Porsche. Una vettura di cui si narravano meraviglie, ma anche molto complessa e sofisticata, e che in definitiva rappresentò un salto nel vuoto per quella piccola casa automobilistica del Commendator Piero Dusio.
Al volante di quell'auto ci salì anche, nel 1949, ma da fermo, l'auto non era del tutto completa; mancava tutto il gruppo trasmissione. Però l'impatto emotivo fu forte.
Peccato che poi problemi economici irrisolvibili stroncarono il progetto.
Il Commendator Dusio cedette tutto, fabbrica e debiti, agli argentini, e il debutto della Cisitalia in Formula 1 svanì, ma è lo stesso come se Tazio Nuvolari avesse corso in Fomula 1, e ci corresse ancora, eccome se corre.

Nessun commento:

Powered by Blogger.