Elementi mobili


Elio De Angelis sta provando a Silverstone la sua Lotus Renault Tubo. Stiamo parlando del tracciato ancora in versione record sul giro di Keke Rosberg su William Honda: qualcosa come 260 km/h di media sul giro. Praticamente un paio di piste d'atterraggio raccordate da qualche curva; nulla più.
Anche piazzare una chicane alla Woodcote prima del rettilineo dei box non è servito a ridurre di molto la velocità; ci sono tanti altri punti in cui si viaggia col motore al massimo: Hangar Straight, i due curvoni da cuore in gola Stowe e Club.
Si arriva praticamente in pieno alla Woodcote, e durante quel giro Elio De Angelis non fa eccezione.
La chicane poi è una esse molto veloce, quindi colpo ai freni, un paio di marce in meno, e una sferzata decisa al volante per far saltare sui cordoli la sua Lotus e non perdere troppa velocità prima del rettilineo dei box.
Solo che, se freni e cambio fanno il loro dovere, Elio al momento meno opportuno si ritrova con il volante in mano.
Non si scompone troppo, la macchina va dritta percorrendo l'originale curva Woodcote, in qualche modo rimette il volante nell suo alloggiamento.
Arriva ai box, scende come se nulla fosse, ha il volante in mano però. Glielo consegna al primo meccanico che incrocia; questo lo guarda un po' stranito.
- La prossima volta, è meglio fisso.

Nessun commento:

Powered by Blogger.