Grazie e disgrazie


Annata anomala quella del 1982. Tante tragedie: Villeneuve in Belgio, Paletti in Canada, Pironi in Germania che anche se si portò a casa la pelle avrà la carriera distrutta per sempre. Ma anche una stagione che paradossalmente per noi italiani risultò decisamente positiva.
Tre vittorie da parte di tre piloti italiani diversi; non solo, tre vittorie da parte di Patrese a Montecarlo, alla fine di un carosello leggendario; De Angelis in Austria, in volata su Rosberg; e Alboreto a Las Vegas alla guida di una modesta Tyrrell, che ti potevano far anche pensare che uno di quei tre finalmente avrebbe potuto raccogliere l'eredità di Alberto Ascari.
Invece le cose poi andarono come sappiamo un po' tutti, quelle tre vittorie rimasero - chi più, chi meno - come una promessa non mantenuta; e quella stagione alla fine rimarrà stampata a fuoco nella mente degli appassionati per la morte di Gilles Villeneuve e per il titolo andato a Keke Rosberg su Williams con una sola vittoria.
Noi, a distanza di venticinque anni e più, continuiamo ad attendere l'erede di Alberto Ascari.

Nessun commento:

Powered by Blogger.