La scomunica


Finalmente dopo anni la Formula 1 torna a Imola, non è una prova valida per il campionato del mondo, ma poco importa per i tifosi emiliani romagnoli.
In pista ci sono i migliori: c'è il fresco campione del mondo Jody Scheckter su Ferrari, c'è l'idolo della folla ferrarista Gilles Villeneuve, ci sono le Alfa Romeo, c'è anche il grande ex Lauda, ci sono Patrese, Reutemann, insomma anche senza denominazione la corsa rimane un Gran Premio con tutti i crismi.
L'entusiasmo della gente di Romagna è al massimo, e capita quindi che la domenica mattina nelle chiese della zona la messa venga disertata da un numero cospicuo di fedeli.
Qualche parroco chiude un occhio, altri due, qualcuno invece non ci sta proprio.
Il parroco del paese di Riolo Terme davanti alle numerose file vuote in chiesa, durante l'omelia della domenica ne ha un po' per tutti: per i fedeli "assenteisti" ingiustificati, per il consumismo, per la mancanza di valori, persino per l'aspetto anti ecologico di una corsa di automobili.
Chissà se poi anche lui al pomeriggio non si sarà fatto un giretto dalle parti di Imola per gustarsi la lotta all'ultima staccata tra Lauda e Villeneuve?

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Se i parroci si modernizzassero un po', forse anche durante l'anno la gente andrebbe più in chiesa... Vabbè... dico solo che molti sono ottimi moralizzatori, ma razzolano molto male..

acorba67 ha detto...

...e poi Villeneuve valeva bene una messa...

Powered by Blogger.