Nel posto giusto al momento sbagliato


Andrea De Adamich e Bruno Deserti erano due giovani italiani di belle speranze intorno alla metà degli anni sessanta. La Ferrari in quel periodo investiva parecchio nei giovani piloti di casa nostra: Bandini era uno dei piloti di punta della squadra di Formula 1, e la categoria Sport Prototipi veniva utilizzata a mo' di palestra per svezzare le nuove leve.
Per l'edizione 1965 della 24 Ore di Le Mans uno degli equipaggi era proprio formato dalla coppia De Adamich - Deserti. Al fine di preparare al meglio la gara si organizza una 24 ore simulata all'autodromo di Monza. Oltre a De Adamich e Deserti sono presenti tutti gli altri piloti della Scuderia Ferrari che a giugno avrebbero partecipato alla classicissima corse francese.
Tutto viene uniformato alla 24 ore reale, si parte alle 16.00 del pomeriggio, del 25 Maggio e alla guida di una Ferrari P3 4000 cc si alternano De Adamich e Deserti.
Il ritmo era tranquillo, bisognava solo simulare una 24 Ore di Le Mans, non correrla veramente. Alla quarta ora Bruno Deserti passa alla guida, era stato appena eseguito il cambio pilota, il serbatoio era pieno, i rapporti erano molto lunghi proprio come sarebbe stato nella vera corsa. Il motore da quasi 400 cv nel quasi silenzio di Monza sembrava una belva minacciosa brancolante per la boscaglia del parco. Il passaggio dalla quinta alla quarta per entrare nel curvone dopo il rettilineo dei box diventava una specie di rintocco a sottolineare la buona continuazione della prova.
In quel giro però subito dopo la cambiata ci fu un boato, e poi il silenzio.
Fu sin troppo facile immaginare qualcosa di brutto, meccanici e responsabili della squadra salirono su una macchina per raggiungere il curvone. Trovarono la macchina rovesciata bruciare come una torcia; l'unica speranza di trovare vivo Bruno Deserti era quella che fosse stato proiettato al di fuori dell'abitacolo.
Si cercò nella boscaglia intorno, ma Bruno Deserti era proprio nel posto in cui non sarebbe dovuto restare: ancorato dalle cinture di sicurezza al posto di guida.

Nessun commento:

Powered by Blogger.