Il rischio e come affrontarlo


Capelli lunghi, baffi importanti, sorrisi e battute di spirito, sicurezza in se stesso, animatore di numerosi feste e ricevimenti a contorno delle gare; insomma Graham Hill fu il primo prototipo di pilota glamour. Quello che lo rese un'icona invidiata e modello per milioni di appassionati era la soprattutto sua personalità e quel suo approccio alle corse che riusciva a rendere apparentemente semplice e innocuo quello che faceva.
Questo in un periodo in cui la possibilità di un incidente mortale era ben più alta che ai giorni nostri.
A un giornalista che gli chiese cosa ne pensasse della paura della morte e come riuscisse a superarla, lui rispose con una frase che rimase indelebile nella memoria collettiva, e finì per segnare un'intera epoca:
- Penso che sia il prezzo inevitabile che uno deve pagare per avere una vita così fantastica.
Riuscì a superare indenne quasi due decenni di corse in Formula 1, poi pagò dazio, ma non al volante, piuttosto con un volo aereo finito molto, molto male.

Nessun commento:

Powered by Blogger.