Oltre l'ultima fila


Oltre l'ultima fila, si sa, ci sono solo le auto del soccorso medico. Quando in Formula 1 non esisteva ancora la safety car queste erano anche le uniche macchine da strada ammesse in pista durante le fasi del via.
Certo per reggere il ritmo dei piloti in griglia era quasi scontato rivolgersi ad altri piloti o ex-piloti, un po' come si fa adesso con la Mercedes grigia con simbolo FIA.
Per l'edizione del 1981 del Gp di Francia sul circuito di Digione alla guida delle due Renault Alpine del soccorso medico vennero chiamati due ex piloti di Formula 1. Il primo Wilson Fittipaldi, fratello del due volte campione Emerson, e il secondo, Jean Pierre Jarier, ancora in piena attività all'epoca, e da sempre considerato, insieme a Mario Andretti, il "piede" per eccellenza del circus.
I due, con in mano la brillante e scattosa berlinetta francese, durante i giri effettuati prima del via iniziarono a sfidarsi a colpa di accelerate e sorpassi e sbandate e manovre al limite. Giusto per non annoiarsi troppo, e magari intrattenere anche il pubblico.
Alla fine dell'"esibizione" persino i commissari decisero di intervenire, redarguendo i due piloti per il loro comportamento in pista decisamente non il linea con il ruolo.
Chiaramente dai due piloti furono pronunciatu fiumi di assicurazioni e promesse di mantenere una condotta corretta durate la procedura di partenza.
E infatti durante il via le cose filarono lisce: la gara partì senza problemi, e le due macchine dopo aver percorso il loro giro di servizio in coda al plotone rientrarono ai box.
Ma i commissari non potevano sapere che a causa della pioggia ci sarebbe stata una seconda partenza; e con essa la possibilità per Jarier e Fittipaldi di sfidarsi ancora a colpi di sportellate.
Così fu: il pubblico apprezzò decisamente, i commissari infuriati e i medici al seguito molto meno.

Nessun commento:

Powered by Blogger.