Le avventure del conte


Era un nobile olandese appassionato d'automobilismo, uno che, come l'altro celeberrimo nobile Alfonso De Portago, trovò la morte in fondo a quella sua passione. E di aneddoti legati alla carriera di Carel Godin De Beaufort ne esistono tanti e tali da far rimanere a bocca aperta.
Durante le prove del Gp di Francia del 1962 De Beaufort è impegnato alla guida della sua Porsche 718 in alcuni giri ad andatura non troppo veloce; giusto per prendere confidenza con il tracciato di Rouen. I commissari in corsia box lo vedono transitare a intervalli regolari davanti alla linea del traguardo, finché i suoi passaggi cessano all'improvviso.
Il pensiero vola subito a un possibile incidente in qualche punto remoto della pista; ma nessuna segnalazione sembra però essere stata lanciata, nemmeno da altri commissari posizionati nella altre postazioni lungo il circuito.
Dopo parecchi minuti la sagoma grigia della Porsche di De Beaufort si staglia di nuovo all'orizzonte del rettilineo di partenza, e il motivo di quella sua "pausa" si scoprirà essere decisamente valido quanto incredibile: il conte, notata una bella ragazza a bordo pista, decise di offrire un passaggio alla giovane sulla propria vettura per far apprezzare meglio il circuito alla tizia in questione.
Figuratevi le facce dei commissari al sentirsi raccontare quella motivazione.


Nessun commento:

Powered by Blogger.