Gioco di squadra

La squadra Ferrari 2010 sembra ormai fatta, si tratta solo di annunciare il tutto: Felipe Massa nel 2010 ritornerà al volante e si ritroverà come compagno di squadra un tizio certo non comodo come Fernando Alonso.
Certo la notizia non stupisce nessuno, e allora facciamo un bel discorso, di quelli che si dicono da bar, su come dalle parti di Maranello si sia arrivati ad avere due piloti in squadra pur avendone quattro sotto contratto.
Va bè, con Fisichella la cosa è andata liscia, cinque corse nel 2009 con la rossa, e poi un ruolo da terzo pilota per il 2010 che comunque è sempre un obiettivo importante per chiunque.
Ingaggiato Alonso, trovare il modo di liberarsi di Raikkonen invece è stato un po' più complicato.
Torniamo indietro di qualche anno: Raikkonen, prima di ogni avvisaglia di crisi economica globale, sigla un contratto nel 2006 con la Ferrari della durata di tre anni . E le cifre in ballo sono astronomiche; qualcosa come 50 milioni di dollari l'anno, mica robetta dunque. Non solo, c'è anche una clausola che prevede un innalzamento dell'ingaggio in caso di vittoria del campionato del mondo.
E cosa ti combina il finlandese? Puntualmente centra l'obiettivo al primo tentativo su una Ferrari nel 2007. Il bonus fa lievitare l'ingaggio, sembra, sino a qualcosa come 85 milioni di dollari a stagione per le annate 2008 e 2009.
A questo punto però subentra la crisi di risultati di Raikkonen - crisi certo aiutata dal tamponamento subito da Hamilton in corsia box a Montreal; da uno scarico penzolante a Magny Cours mentre il suddetto distribuiva manciate di secondi a destra e a sinista; da una strategia gomme della Ferrari sotto il diluvio di Silverstone che definire errata sarebbe un eufemismo - ma la Ferrari ha bisogno che Kimi se ne stia buono e dia una mano a Massa nel finale di stagione 2008 contro Hamilton. Per cui viene proposto a Raikkonen l'estensione del contratto anche al 2010 in cambio - forse discorso da bar, ma che spiegherebbe il mistero della ritrovata competitività del finlandese non appena Massa si è reso indisponibile - della rinuncia a una clausola del contratto che prevede l'uguaglianza della sua macchina con quella del suo compagno di squadra. Raikkonen accetta.
Nel frattempo scoppia la crisi economica mondiale; Alonso viene invocato a gran voce da stampa e televisione, anche dal nuovo sponsor spagnolo della Ferrari, e le cifre spese per Raikkonen appaiono decisamente fuori mercato. E quindi?
Quindi viene proposto una buona uscita a Raikkonen: 35 milioni di dollari per NON correre nel 2010 in Ferrari, è in più bonus in denaro per i risultati conseguiti nel 2010 indipendentemente in quale team andrà a correre.
Strano accordo vero? Ma sono solo chiacchiere da bar, si sa...

2 commenti:

Telespalla Blog ha detto...

Più che chiacchere da bar mi sembra fantascenza , se fosse vero , la mia già scarsa considerazione dei vertici Ferrari crollerebbe del tutto .
Fisichella considerava conclusa la sua carriera quest'anno ? Se è così sono contento per lui , se nò , fare il terzo pilota non è granchè in qualunque Team .

acorba67 ha detto...

Forse è stato un mettere insieme tante voci lette sul web, ma se vai a leggere un paio di blog inglesi sembra che non tutto sia così fantascientifico... boh!

Powered by Blogger.