Gp Italia 2009: beati gli ultimi

"Beati gli ultimi" decisamente su di giri per quest'appuntamento monzese. La scarsa forma di Williams e Toyota ha reso protagonisti i due piloti del vecchio Frank e il tedesco della Toyota; mentre le rotture dei motori Bmw durante la sessione di qualifica del sabato ha inserito nella nostra griglia di partenza anche Nick Heidfeld.
Ordine di partenza degli ultimi sei quindi: Heidfeld - Glock - Nakajima - Rosberg - Buemi - Alguersuari (partito dai box).
Tutti e sei i protagonisti sono partiti con una tattica di una sola sosta,e quindi sorprese di strategia non ce ne sono proprio state.
Partenza razzo di Nick Heidfeld che con la sua Bmw guadagna parecchie posizioni, portandosi all'undicesimo posto nel giro di pochi giri, con una serie di sorpassi azzeccati - tra l'altro a spese anche di Fisichella. Da qui comanderà la classifica sino alla fine, e con una bella progressione delle sue - cioè senza che nessuno, o quasi, se ne accorga - riesce anche ad arrivare a punti; quelli veri intendiamo. Buonissima gara in termini assoluti la sua.
Alle sue spalle la lotta per il secondo posto è tra Glock e Nakajima... e Jarno Trulli. E' infatti la presenza dell'abruzzese ad agitare la sfida tra i due contendenti a deciderne le sorti. Nakajima riesce a resistere agli attacchi del tedesco grazie anche all'aiuto involontario di Trulli che dopo aver ciccato un sorpasso al giapponese della Williams ingaggia una lotta fratricida con il compagno di squadra. I secondi persi dal tedesco della Toyota nella lotta, dura ma senza scorrettezza, consentono a Nakajima di conservare la seconda posizione e lasciano sull'ultimo gradino del nostro podio Timo Glock.
Buio completo invece per Rosberg, nobile decaduto per quest'occasione monzese, che a una qualifica disastrosa fa seguire una gara, se possibile, ancor più da dimenticare. La partenza è anche buona, ma è costretto quasi subito ai box dopo aver colpito un detrito che gli pregiudicherà l'aerodinamica per tutta la gara: il risultato sarà una navigazione a fondo gruppo sino alla fine.
Per Buemi una gara onesta, con dei picchi velocistici notevoli - il suo giro più veloce in gara sarà di nemmeno un decimo più altro rispetto a quello di Heidfeld - a non troppa distanza dalla coppia Nakajima-Glock. il che non è malaccio per uno al volante della Toro Rosso 2009. Chiedere informazioni al povero Alguersuari, partito dai box causa problemi al cambio in prova, e alle prese con una macchina che proprio non va, o quando va si spacca.
Vediamo quindi un paio di grafici a supporto focalizzati sulla gara degli ultimi sei in griglia:



Bottino pieno per Heidfled, autore anche del giro più veloce, e l'ordine d'arrivo per la classifica "Beati gli ultimi" per il Gp d'Italia è:
1°) Heidfeld (gpv) - 2°) Nakajima - 3) Glock - 4) Buemi - 5) Rosberg - 6) Alguersuari (rit.)

Mentre per l'altra classifica alternativa "Maglia nera" in occasione di Monza abbiamo avuto:
1°) Rosberg - 2°) Grosjean - 3°) Trulli - 4°) Buemi - 5°) Hamilton - 6°) Glock


Le classifiche aggiornate vedono quindi per la "Beati gli ultimi" un balzo dal sesto al quarto posto per il tedesco della Bmw. Anche Nakajima avanza, mentre Fisichella è ancora in testa alla generale, ma Buemi pian piano si sta avvicinando. E spero per Giancarlo che le sue partecipazioni a questa classifica siano da qui alla fine del campionato molto rare.


Per la "Maglia Nera" salto in avanti in classifica per Rosberg e Trulli. In testa il solito Buemi, protagonista di entrambe le classifiche, si avvicina a Sutil, in questa occasione ospite del salotto buono delle prime file.


E per il Gp d'Italia è veramente tutto.

Nessun commento:

Powered by Blogger.