Gp Singapore 2009

Sarà anche telegenico vedere le Formula 1 sotto luce artificiale, ma questo circuito, al pari di Valencia, è la negazione di ogni competizione automobilistica. La prova? Nico Rosberg retrocesso e impossibilitato a sorpassare Trulli: ecco quanto cambia la vita di un pilota in coda al gruppo.
Hamilton e Vettel hanno comunque dato il massimo per cercare di sopravanzarsi, e questo è bastato per donare interesse ai 61 giri sulla pista di Marina Bay. Nella lotta mondiale piccolo passo avanti di Button, che soprattutto è riuscito a invertire la tendenza.
E quindi? E quindi ecco le solite pagelline a caldo:

Button
8: prove disastrose. In gara è riuscito a non farsi coinvolgere dai contatti al via, e poi grazie alla Pace Car è riuscito persino a entrare in zona punti. Fortunato, ma grande nella progressione di tempi prima del secondo pit stop che gli permette di sopravanzare Barrichello. Da uno che si merita il campionato comunque.
Barrichello 7: pessima idea quella di baciare i muretti di Singapore in prova; poteva andare decisamente meglio il fine settimana di Singapore per lui. Invece si è fatto superare dal compagno di squadra e la lotta per il campionato si fa più dura.

Vettel 7 : in prova è stoppato dall'incidente di Barrichello; parte leggero, ma si fa fregare ancora una volta al via; questa volta da Rosberg. Buon per lui che Nico si auto-elimina dalla lotta per il podio. Gira sui tempi di Hamilton, ma poi getta tutto alle ortiche con il drive-through causa eccesso di velocità in corsia box.
Webber 5 : anche lui bloccato come il compagno, in gara sfrutta ogni centimetro della pista per superare Alonso e deve poi far passare sia Alonso che Glock. La sua gara è in pratica finita lì. Il botto nel finale chiude definitivamente un altro fine settimana non troppo positivo.

Fisichella 4 : non siamo certo ai livelli di Badoer, ma anche Fisico non sta facendo una gran figura. Certo che in quest'occasione le colpe non sono state solo sue, ma anche lui più che un pilota è sembrato passeggero di un traghetto.
Raikkonen 6 : non ha ripetuto i miracoli di Spa e Monza; la Ferrari era al massimo da Q2, altro che balle, ma anche lui non è sembrato troppo a suo agio nelle chicane cervellotiche di Singapore. Nonostante tutto ha lottato sino all'ultima curva per il decimo posto.

Kubica 6 : la Bmw vuole chiudere al meglio la sue esperienza in Formua 1, e si è presentata con parecchie modifiche. Le prova avevano un po' illuso, ma in gara Robert non ha mantenuto le promesse delle prove.
Heidfeld 5 : peccato per la squalifica; partire dal fondo su un circuito come questo è una condanna. Se poi ti capita un muso di una Force India nel fianco...

Trulli 5 : in prova si è lamentato della macchina con poco grip, ma la differenza tra lui e il compagno Glock è sembrata troppo alta. Gara decisamente no per Jarno, certo anche per problemi fisici
Glock 9 : molto veloce in prova, anche al via passa Alonso con decisione e poi tiene molto bene la posizione. Gran ritmo e nessun errore sino alla fine della gara. Impressionante.

Hamilton 10 : è sembrato onestamente di un'altra categoria; tranquillo e veloce in prova, è partito e per gli altri non ci sono state più speranze.
Kovalainen 6 : era il più pesante fra i primi dieci in prova, buona partenza, ma poi in gara non è riuscito a guadagnare granché dal primo stint lungo.

Alonso 9 : un altro che con facilità tira fuori il massimo da ogni mezzo gli capiti tra le mani. In partenza perde qualche duello di troppo, ma non si scompone più di tanto e alla fine grazie ai ragazzini che sbagliano ai box, e alla sua grinta nel finale, si ritrova sul podio.
Grosjean 4 : sbatte e va lungo; ma soprattutto non va. Anche questa volta la sua gara dura una manciata di giri.

Buemi 6: al via si fuma il Kers di Raikkonen, e su una pista non troppo veloce riesce a difendersi dal ritorno del finlandese finché può. Buona gara comunque la sua. Emblematico comunque il doppio ritiro delle Toro Rosso.
Alguersuari 6 : è sembrato un po' più presente rispetto alle altre occasioni, anche se non è sembrato in grado di reggere le prestazioni del compagno di squadra, ha resistito molto bene agli attacchi di Sutil.

Nakajima 5: la Williams sembrava a posto, lui al solito un po' meno, e la sua gara è stata la solita variazione infinitesima attorno al decimo posto.
Rosberg 7 : in Q2 ha fatto un tempo da mascelle slogate; fa una gran partenza e poi si incolla al Luis. Che Singapore sia la sua pista è ormai accertato, ma sbaglia clamorosamente l'uscita dal primo stint e si becca un drive-through. Peccato, peccato veramente. La sua gara, insieme al suo morale, si spegne a fondo classifica.

Liuzzi 5: la Force India, come la Ferrari, a Singapore aveva lo stesso grip di una March anni 70. Non poteva fare molto di più.
Sutil 3 : intruppato a fondo gruppo ha avuto problemi di surriscaldamento stando in coda ad Alguersuari, finendo per speronarlo e soprattutto coinvolgendo l'incolpevole Heidfled.

7 commenti:

Mikke80 ha detto...

Concordo e aggiungo. Vettel per aver superato , a quanto parè involontariamente , di 1.4 kmh il limite in pitlane si prende una penalty da 30s , che uccide l'unica cosa interessante che stava succedendo in pista.
Per cose simili la fia dovrebbe dare ammonizioni o al limite intervenire per la gara dopo con penalizzazioni in griglia ma lasciare ai telespettatori la gara vera e propria.
Oggi solo lewis ha meritato la sua posizione, secondo e terzo dovevano essere rosberg e vettel.

acorba67 ha detto...

sì, dare drive-through a destra e a sinistra non porta a niente... al massimo a campionati falsati.

Telespalla Blog ha detto...

Dare penalizzazioni alla gara successiva non mi sembra per niente giusto e può portare ad un danno peggiore , però il drive-through è troppo in tanti casi , basterebbe una penalità di 5/10 secondi a fine gara che viene comunicata al pilota e si può regolare di conseguenza .

Telespalla Blog ha detto...

Per quanto riguarda Fisico , aveva dichiarato che non riusciva a guidare la macchina , ma era lei che lo portava in giro ( non ha fatto molto meno di Raikkonen ) ,e dava la colpa alla mancanza di test , quest'anno si vedono vetture andare fortissimo in certe piste e lentissime in altre .
Forse , vietare totalmente i test è stata un'idea sbagliata , ma chissà quando lo ammetteranno .

acorba67 ha detto...

Anche io sono d'accordo sulla penalizzazione "in corsa"... o una perdita di posizione obbligata, una americanata del genere.
Per quanto riguarda i test, come nella vita, gli estremi non portano mai a nulla di buono.
Oggi mi sento saggio!

Mikke80 ha detto...

Vietare i test mi semrba un idea intelligente. riduce i costi e aumenta la casualita'. la varieta' in testa fa bene alla F1. quest'anno tutte le squadre eccetto toro rosso si son trovate a lottare per un podio almeno una volta. la mancanza di test fa male ai nuovi piloti, forse la FIA dovrebbe concedere la possibilita' di un paio di giorni di test per un nuovo pilota a condizione che la squadra non porti novita' ma si concentri solo sul setup del pilota.

Telespalla Blog ha detto...

Purtroppo far fare dei test al pilota comporta un grande vantaggio alla squadra . Come dice Acorba67 tra test liberi e test vietati c'è un sacco di spazio .

Powered by Blogger.