Quattro ruote motrici e una turbina

Il Gp d'Olanda del 1971 vide il debutto nel campionato del mondo di un'altra di quelle intuizioni di Colin Chapman che - nel bene e nel male - hanno segnato la storia della Formula 1 per parecchi decenni.
Il modello Lotus 56B non fu uno dei più fortunati a dir la verità: era dotato di quattro ruote motrici e motore a turbina Pratt & Whitney STN6-74. Il sibilo che emetteva lo faceva sembrare un aereo su una pista d'atterraggio, ma le prestazioni in pista non corrispondevano a cotanta spettacolarità.
Il pilota titolare Emerson Fittipaldi si era infortunato in un incidente in stradale, e per portare al debutto nella gara olandese l'avveniristica vettura viene chiamato il giovane Dave Walker.
Le cose al venerdì non vanno bene: la macchina non esce nemmeno dai box causa ritardo nell'arrivo delle turbine dagli Stati Uniti dove erano state inviate per una revisione; e una volta messa in pista i tempi faticano ad arrivare. Alla fine dei tre giorni di prove Dave Walker non fa meglio del 22° tempo: 1'21''.83 contro la pole di Ickx su Ferrari che fa segnare 1'17''64.
In gara sotto la pioggia Walker però parte a cannone sfruttando la trazione integrale e, tra macchine in crisi di gomme e altre in testa coda, dopo 5 giri si ritrova in decima posizione. Ai box Lotus non credono ai propri occhi; e fanno bene
L'avventura di Dave Walker con la Lotus a quattro ruote motrici e motore a turbina - e probabilmente anche la sua avventura in Formula 1 - finisce un giro dopo con una rovinosa uscita di strada alla curva Tarzan. Nonostante quattro ruote motrici e una turbina.


Nessun commento:

Powered by Blogger.