Gp Abu Dhabi 2009: beati gli ultimi


E' arrivato anche l'ultimo appuntamento con le speciali classifiche di quelli in fondo alle classifiche: ovverosia la "Beati gli ultimi" e la "Maglia nera".
Per l'appuntamento di Abu Dhabi il gruppo degli ultimi sei era formato, dall'ormai esausto Fisichella - comunque campione 2009 della "Beati gli ultimi"; da Grosjean, questa volta con la buona compagnia del compagno di squadra e futuro ferrarista Alonso; Kovalainen, retrocesso per problemi meccanici; e le solite Force India ritornate alle posizioni di inizio stagione dopo le stupefacenti prestazioni di fine estate.
Nell'ordine quindi l'ordine di partenza nelle ultime tre file era: Alonso; Liuzzi; Sutil; Kovalainen; Grosjean; Fisichella.
Al via grosso scambio di posizioni tra i protagonisti: Kovalainen sfrutta il Kers e balza dal 18° posto al 12°; anche Grosjean e Fisichella guadagnano parecchie posizioni, e tutto fa prevedere per Fisico finalmente una gara positiva alla guida della Ferrari. All'opposto invece Alonso e Sutil, protagonisti di una partenza decisamente al rallentatore, devono remare per riuscire a risalire posizioni.
Con Kovalainen alla caccia del connazionale Raikkonen, e saldamente in testa alla nostra classifica, Alonso, Fisichella e Liuzzi abbozzano un recupero. I primi due sono con una tattica di una sola sosta, con lo spagnolo che opta per un primo stint particolarmente lungo. Per tutti e tre la classifica finale dichiarerà come il tentativo non sia andato a buon fine: problemi di freni per Liuzzi, e una Renault lenta come non mai spengono ogni velleità di rimonta. Fisichella si becca anche un drive through che chiude definitivamente ogni discorso di buon piazzamanto; nel finale comunque si toglie una piccola soddisfazione infilando Grosjean e guadagnando un posizione. Kovalainen in testa raggiunge il suo scopo, e cioè sopravanzare in classifica la Ferrari di Raikkonen; per gli altri la gara scorre senza troppe emozioni.
Ordine d'arrivo per gli ultimi sei che vede quindi Kovalainen precedere Alonso, Liuzzi , Fisichella, Sutil e Grosjean. Da notare come solo il finlandese sia riuscito a risollevarsi dalla posizione in penultima fila; per gli altri cinque le posizioni all'arrivo sono state le ultime tra i piloti che hanno concluso la corsa. Per Fisichella, Liuzzi e Grosjean addirittura l'onta del doppiaggio, che su un circuito discretamente lungo come quello di Abu Dhabi non è proprio il massimo. Il giro più veloce lo ha fatto segnare Alonso con un buon 1:40.757 che lo ha posizionato al decimo posto tra i giri più veloci della gara.
Vediamo quindi la classifica finale della "Beati gli ultimi" 2009:



Onore comunque a Fisichella, una stagione difficile per lui; ha vinto la classifica 2009 della "Beati gli ultimi", dimostrando che la voglia di lottare dopo centinaia di Gp non è ancora scomparsa. Forse per lui non sarà il più ambito dei premi, ma è comunque arrivato davanti a tanti altri. Alle sue spalle un Buemi, scomparso nelle ultime prove a causa delle sue frequenti escursioni in Q3, e un Heidlfed spesso protagonista nella difficile prima parte di stagione. Certo anche i due della Mclaren non si sono risparmiati in quanto a presenze...

Nella classifica della "Maglia Nera" vittoria di Grosjean davanti a Sutil, Fisichella, Liuzzi, Alonso e Nakajima (unico classificato non qualificato tra gli ultimi sei) e la classifica finale recita:



Sutil quindi vince la classifica della "Maglia nera" davanti a Fisichella e Buemi. Da notare come Grosjean, ma anche Liuzzi, abbiano fatto la loro prepotente entrata in scena nella ultime gare, e - il francese - con un ritmo da vero dominatore.
E per quest'anno per la "Beati gli ultimi" e la "Maglia nera" è veramente tutto. Ci si vede nel 2010... si spera.

2 commenti:

Mikke80 ha detto...

per l'anno prossimo al posto dei beati gli ultimi/ maglia nera solo sugli ultimi posti sarebbe bello fare una classifica di chi guadagna e perde + posti, in maniera avulsa togliendo i ritirati.. cosi' si vede facilmente chi spinge in gara e chi fa pena :)

acorba67 ha detto...

Sì effettivamente l'idea era quella di cambiare un po il punto di vista delle classifiche... fermo restando l'idea di una classifica dalla parte di quelli non sotto i riflettori

Powered by Blogger.