I più e i meno del 2009


Doveva essere la stagione dei sorpassi facili, soprattutto grazie alle nuove imposizioni sull'aerodinamica. Purtroppo poco è cambiato; se si eccettuano le partenze lampo e i sorpassi resi possibili dalle vetture dotate di Kers, l'impressione è che l'efficienza di queste vetture sia talmente elevata e simile da livellare ogni altro valore. E' bastato che tutti percorressero la via aerodinamica segnata da Brawn Gp, Toyota e Williams - certo in misura e risultati profondamente diversi - per vanificare parecchi studi sull'argomento.
Comunque è stata una stagione lo stesso appassionante, e di motivi da discutere ce ne sono stati, dei più vari e disparati. Ripercorriamo però adesso la stagione 2009 della Formula 1 con i più e i meno;

Piloti
Efficace:
+ Button (nella storia della Formula 1 ci sono stati molti piloti che non sono riusciti a cavare il ragno dal buco pur essendo alla guida della macchina migliore : Jenson Button ha avuto per la prima volta nella carriera questa possibilità e ha fatto centro. Spietato e veloce nella prima parte di stagione, forse ragionatore sino all'eccesso nella seconda parte, ma inesorabilmente efficace. )
- Grosjean
(proveniva dalla Gp2 con la carica e l'allenamento necessario per figurare decentemente in Formula 1. Ha collezionato una serie di uscite di strada e prestazioni che hanno rivalutato - faccenda di Singapore 2008 a parte - persino uno come Piquet Jr)

Veloce:
+ Vettel (è stato indubbiamente l'uomo del fine settimana perfetto. In quei giorni non ha mai avuto nessuno che gli tenesse il passo: a Silverstone c'è stata la perfetta testimonianza di questi suoi stati di grazia; ripetuti poi anche a Suzuka e Abu Dhabu. Pronosticarlo campione del mondo del 2010 è il minimo. )
- Nakajima
(per non commettere errori deve ridurre il ritmo. Questa è stata la sostanza della stagione del giapponese: ogni volta che ha cercato di spingere un po' di più in un modo o nell'altro è sempre incappato in un errore.)

Combattivo:
+ Raikkonen
(di lui se ne sono dette tutti i colori; se ne sono scritte di belle, ma anche di brutte. Per fortuna non conosce l'italiano, o magari lo sa meglio di tutti noi e finge di non saperlo, comunque nonostante le critiche e i sorrisi di derisione di mezza Italia si è messo sulle spalle quel carro rosso della F60, e ha infilato una serie di podi, vincendo anche, guidando a Spa come nessun altro riesce a fare da quelle parti. Il Kimi dei tempi migliori: giù la visiera, piede a fondo, e "this is racing")
-
Kovalainen (doveva essere l'anno del riscatto e della consapevolezza di non essere il - lontano - guardiaspalla di Hamilton. Invece il finlandese, se possibile, è riuscito a fare peggio dell'anno scorso. E, pur subendo varie "minacce" e out-out dalla squadra, non ha mai dato segni di risveglio. Forse non si è mai adattato al metodo di lavoro in Mclaren; peccato, perché in passato aveva dato l'impressione di essere uno veloce.)

Fortunato:
+Button/Barrichello
(erano sull'orlo del prepensionamento sino a poche settimane dall'inizio della stagione; si sono ritrovati alla guida di una ex-Honda Brawn Gp motorizzata Mercedes veloce come un missile. Certo Ross Brawn ha rivoltato il regolamento come un calzino, però dall'abisso all'altare è stata questione di poche settimane.)
- Massa
(povero Felipe, era partito con il proposito di riscattare la delusione di Interlagos; invece si è ritrovato al volante della peggiore Ferrari degli ultimi dieci anni. E per chiudere il cerchio anche una molla vagante a più di duecento all'ora. )

Auto
Efficace:
+ Brawn Gp/Red Bull
(Si sono spartite le prime file e le vittorie - Hamilton e Raikkone a parte, ma questi due sono di una categoria a parte - ed è veramente difficile scegliere la migliore tra la Brawn Gp "doppata" versione prima parte di stagione, o la Red Bull "papera" post Silverstone.)
- Renault
/Ferrari/Bmw (c'è la coda alla cassa per la meno efficace dell'anno. Direi Renault sopra tutte, perché non ha mai dato l'impressione di poter competere per il podio. A volte Alonso è riuscito ad alzare la testa, ma è stato esclusivamente merito suo, non certo della vettura. Per Ferrari e Bmw qualche lampo, ma anche qui è un po' andare a raschiare il fondo della botte. )


Nessun commento:

Powered by Blogger.