Gli antenati

Come la Brawn Gp, meglio della Brawn Gp, una trentina d'anni prima. Walter Wolf - miliardario austro-canadese con valigie di dollari provenienti da affari nel campo del petrolio e dell'edilizia - si presentò al via della stagione 1977 con un team nuovo di zecca: aprì la sede a Reading in Inghilterra; ingaggiò il progettista Harvey Postlethwaite; il direttore sportivo Peter Warr; e il pilota Jody Scheckter, uno che era riuscito a vincere con quella scommessa tecnologica a perdere della Tyrrell P34 a sei ruote.
Alla prima gara in Argentina sbancarono la concorrenza con quella macchina blu e oro nata veramente da zero. Vinsero anche in Canada e a Montecarlo, e in quell'occasione nel dopo gara Wolf offrì champagne a chiunque passasse nelle vicinanze del suo box urlando il motto:
- non ci sono problemi, chi vince non ha mai problemi!
Non riuscirono nell'impresa di conquistare il titolo certo, ma tre vittorie in una stagione come quella sono da considerarsi un risultato parti al titolo conquistato dalla Brawn Gp nel 2009. Partendo veramente da zero, o quasi.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Interessante storia, bellissimo blog ! Un saluto

Max Barba ha detto...

Questa di wolf non la sapevo . un' avventura che somiglia davvero a quella della brawn. Ciao

acorba67 ha detto...

Sì effettivamente fu una stagione veramente sbalorditiva... grazie e benvenuto all'anonimo

Powered by Blogger.