Un pensiero al 2010


Per fortuna Kobayashi ce l'ha fatta: si è accordato con Sauber - colui che aveva fatto debuttare un altro talento puro come Kimi - e si farà la stagione 2010 in Formula 1. Perso Raikkonen; con Heidfeld ormai bello che andato; la tribù dei piedi pesanti e silenziosi troverà probabilmente un nuovo adepto. Vedremo se il giapponesino confermerà le belle doti messe in mostra nelle due ultime gare del 2009.
Mentre anche l'anno solare volge al termine, il sommo Luca Di Montezemolo non ha perso l'occasione di risfoderare la metafora dei gemelli; metafora che non sembra provochi chissà quali risate. Lo ha fatto l'anno scorso con il "fratello" di Raikkonen, secondo lui alla guida di una rossa per tutto il 2008; lo ripete quest'anno con il cugino o gemello di Schumacher reo di essersi accordato con la Mercedes per correre nel 2010. Sinceramente nella faccenda di Schumacher vedo solo dei grossi presupposti di spettacolo.
In attesa che la Mercedes si decida a comunicare il nome del secondo pilota - nonché cugino di Schumacher - vediamo una piccola carrellata di alcune delle modifiche regolamentari che verranno introdotte nel 2010:
  • Nuova gestione delle penalizzazione dei piloti a fine corsa
  • Eliminazione dei rifornimenti in corsa.
  • Riduzione dei giorni singoli per test aerodinamici da otto a sei
  • Le squadre potranno sostituire dei giorni di test aerodinamici in pista con 24 ore di galleria del vento in scala 1-1
  • Saranno permessi giorni extra di test su un circuito non in calendario per i teams che faranno debuttare debuttanti assoluti in Formula 1 (certo questo aiuterà i futuri Alguersuari e Grosjean; ma perché Kobayashi non ha avuto gli stessi infiniti problemi di adattamento?)
  • Spazi uguali nei box per tutti i teams (e con 13 squadre ce ne sarà bisogno)
  • Rimangono le coperte termiche ma con delle specifiche leggermente diverse.
  • Durante i periodi di safety cars in pista i piloti dovranno girare con un tempo inferiore a quello che verrà mostrato loro sul display delle proprie auto.
Chiaro come la vera rivoluzione - quasi copernicana - sia l'abolizione del rifornimento in gara. Una modifica che introduce tutta una serie di nuovi aspetti agonistici che vale la pena di analizzare in separato post.

Nessun commento:

Powered by Blogger.