The start

Cambiano le forme delle vetture; cambia la cilindrata dei motori; il frastuono di fondo; cambia il numero delle vetture affiancate; la distanza tra di esse; cambia la modalità di dare il segnale del via; ma la partenza di un Gp di Formula 1 rimane uno dei momenti più emozionanti artificialmente costruito dall'uomo nell'ultimo secolo.
Motori turbo o aspirati; sistemi elettronici di aiuto alla partenza o semplicemente la prima marcia inserita all'ultimo istante per evitare di bruciare la frizione; dummy grid o giro di ricognizione; cinque semafori rossi in crescendo o direttore di gara con in mano la bandiera nazionale; un mucchio selvaggio di tre macchine per fila o solo due rigorosamente sfalsate e a distanza di sicurezza; ma quel momento, quello in cui il frastuono raggiunge l'apice e il respiro di tutti - proprio di tutti, piloti, meccanici, team manager, spettatori; tutti - si ferma per un attimo in attesa del lancio da fionda di venti e più macchine verso una curva alla fine di un rettilineo; quel momento rimane magico, da lacrime agli occhi.
Quindi, se non lo avete ancora fatto, ve bene vedersi il Colosseo e tanti bei monumenti storici in giro per il mondo, e va bene farsi anche una puntatina per godersi il Grand Canyon, o le Piramidi, magari gustarsi pure due o tre paesaggi naturali mozzafiato nel deserto, ma prima che sia troppo tardi, cercate di assistere ad almeno una partenza di un Gp di Formula 1.
E non ve ne pentirete.

Nessun commento:

Powered by Blogger.