Guida in stato di ebbrezza

Mosport 1976, siamo agli ultimi atti di quello che si ricorderà come uno delle stagioni più epiche della dell'intera Formula 1, quella del rogo di Niki Lauda al Nurburgring, quella del suo ritorno in pista dopo 40 giorni a Monza. In Canada si svolge la terz'ultima prova di quel campionato, Lauda è ancora in testa, ma il rivale James Hunt è fermamente intenzionato a recuperare lo svantaggio in classifica.
Al via Hunt lascia sfogare Ronnie Peterson, poi approfittando dei problemi ai freni dello svedese passa al comando. Lauda fatica a reggere il ritmo - finirà ottavo -  e l'unico che sembra poter rendere la vita difficile al biondino inglese è Patrick Depailler, al volante di quella scommessa tecnologica della Tyrrell P34 a sei ruote che se la porti sulla pista giusta sembra giustificare quelle quattro mini gomme lì davanti. E Mosport Park è una di quelle piste, così come quel saliscendi sembra fatto apposta per valorizzare le doti di coraggio di Depailler.
Mancano ormai pochi giri alla fine e la leadership di Hunt ha ormai le curve contate, la Tyrrell del francese è negli scarichi della M23 bianca e rossa, ai box Mclaren si rendono conto che quel sorpasso potrebbe costare molto caro a Hunt in termini di speranze mondiali.
Di colpo la Tyrrel rallenta, il distacco tra i due inizia a aumentare, la macchina del francese perde di direzionalità, il motore suona normale però, è nel rettilineo che la monoposto ondeggia stranamente, e sembra avere dei problemi anche in frenata. Ai  box Tyrrell sono convinti di un problema alle sospensioni, o ai freni, o alla scatola dello sterzo, invece appena tagliato il traguardo la Tyrrell accosta bruscamente a lato della pista, Patrick aspetta un attimo prima di uscire dall'abitacolo, ne aspetta un altro, il casco è immobile, gli attimi di attesa iniziano a diventare un po' troppi, ai box ci si accorge che qualcosa non va.
Patrick Depailler verrà estratto praticamente ubriaco, stordito sino allo svenimento dai vapori di benzina fuoriusciti da una perdita in uno dei tubi di alimentazione. Per la cronaca arrivò comunque al secondo posto.

Nessun commento:

Powered by Blogger.