Gp Montecarlo 2010: i più e i meno

Da quella che potenzialmente poteva trasformarsi in una gara ad alto rischio noia è nata invece una gara condita da parecchi motivi d'interesse. Si è partiti con la botta di Alonso del sabato mattina e penalizzazione in ultima fila che ci ha permesso poi in gara di apprezzare quanto certe dichiarazioni ostili verso i piccoli team poi ti si ritorcano contro alla prima occasione; alla serie di safety car, ben quattro, che ha impedito a Webber di dare distacchi abissali agli avversari; alla mossa da corsaro di Schumacher che ha fatto discutere un po' tutti nel dopo gara. Giudizio degli stewards o no, quando sventoli la bandiera verde per uno come Schumacher è come agitare il drappo rosso davanti a un toro, c'è poco da fare.
Comunque ecco i più e i meno da Montecarlo:


Piloti
Efficace:

Webber (forse solo un Alonso un po' meno falloso poteva rappresentare una pericolo per l'australiano visto a Montecarlo. Ancora una volta il suo fine settimana è stato perfetto; implacabile e devastante nel demoralizzare gli avversati con tempi da incubo per tutti. E ancora una volta, ricordiamoci di Alan Jones...) 
Rosberg (aveva il potenziale per rivaleggiare con le due Red Bull e Kubica, eppure in un modo o nell'altro è riuscito a non materializzare questo potenziale.)


Combattivo:

Alonso (partiva dal fondo, e i suoi primi giri sono stati un divertimento per tutti. Ha lottato contro gli ultimi della classe su una pista impossibile, subendo un paio di manovre parecchio sporche da parte di di Grassi, ma di staccate e safety car è riuscito ad arrivare in sesta posizione.) 
Vettel (intendiamoci, il suo secondo posto vale oro quanto la testa della classifica, ma poiché il primo avversario in pista è il tuo compagno di squadra, per Sebastian il confronto a Montecarlo non è andato un granchè bene. )


Fortunato:

Alonso  (continua la saga delle safety car pro Alonso. Dopo la Cina ecco Montecarlo, ancora una volta la safety car entra giusta giusta per rimettere la Ferrari di Alonso in gioco quando ogni speranza sembra ormai persa.)
Button (dopo essersi ritrovato con Massa a passo d'uomo in cerca di spazio il sabato in qualifica, la domenica si dimenticano il copri radiatore nella fiancata della Mclaren, e per finire - ma poteva andare diversamente per lui in un fine settimana del genere? - già al primo giro la safety car era già in pista, bollendogli il motore dopo poche curve.)

Auto
Efficace:

Red Bull (Montecarlo doveva essere una delle piste meno congeniali alla RB6, in tanti ci speravano, invece ne è venuta fuori una doppietta che pesa come un macigno sulle sorti del campionato del mondo.)
Hrt/Virgin (se la Lotus ha fatto intravedere tempi quasi a livello delle squadre normali, per le altre due squadre la situazione non sembra proprio migliorare.)

Nessun commento:

Powered by Blogger.