Gp Turchia 2010: beati gli ultimi

Dopo aver ampiamente parlato del pasticcio Red Bull, della forzuta Mclaren e del mezzo disastro Ferrari, ecco che arriva il piccolo spazio dedicato a quei piloti che combattono per misere posizioni snobbate dai più. Una battaglia silenziosa e nascosta, che però non manca di stupirci ad ogni appuntamento.
Ormai possiamo dire che la controparte della Red Bull nella "Beati gli ultimi" è la HRT. Una forma costante e un dominio quasi totale rispetto agli altri avversari, peccato che molte volte lascino troppi punti alla concorrenza, non riuscendo mai a segnare l'allungo definitivo. Infatti se l'indiano Chandhok rimane in testa, alle sue spalle rinviene l'arrembante Alguersuari pronto a dare battaglia con la sua Toro Rosso. Notare la sua crescita negli ultimi tre appuntamenti con una costanza di punti davvero ottima. Il punto aggiuntivo per il giro veloce corona un sorpasso inaspettato ai danni di Kovalainen, alle prese con troppi ritiri legati alla scarsa affidabilità della Lotus. I punti di distacco tra il primo e secondo sono abbastanza consistenti, ma mai dire mai, soprattutto quando ci si gioca la vittoria finale.
Da sottolineare anche la bella prestazione della Virgin. Sul circuito turco la scuderia inglese riesce a conquistare punti importanti, che fanno effettuare un bel balzo sia al pilota Di Grassi che alla stessa scuderia nelle rispettive classifiche.
Infine notare che Alonso riesce a segnare altri preziosi punti, non facendo sfigurare la Ferrari neppure in questa classifica. Che poi sia un bene o un male è tutta un'altra storia.
A seguire classifiche aggiornate.


Maglia Nera
La conferma che per vincere ci vuole anche una dose di fortuna si è riproposta. Nonostante Chandhok sia stato costretto al ritiro, il fatto di aver completato più del 90% della gara gli consente in extremis di guadagnare quei nove punti che lo fanno tornare in testa alla classifica.
Un peccato per il nostro Trulli, che dopo un entusiasmante recupero e sorpasso viene tradito dalla sua Lotus e non conquista nessun punto. Se l'italiano non ritroverà continuità difficilmente qualcun'altro potrà impensierire l'indiano della HRT, visto che il distacco con i restanti piloti sta diventando sempre più marcato.
Per la classifica a squadre cambio di posizioni al vertice con la HRT che supera la Lotus. La Virgin consolida il proprio terzo posto, completando così il quadro previsto ad inizio stagione. Infatti adesso i tre team debuttanti occupano le prime tre posizioni della classifica, a indicare che questa classifica rispecchia appieno la realtà in pista.
I restanti posti sono suddivisi dai vari piloti che si scambiano posizioni ad ogni appuntamento, ma come in tutti i campionati che si rispettino solo chi sarà costante porterà a casa il titolo. Si aspettano conferme nel prossimo appuntamento. Sotto le classifiche aggiornate per la "Maglia nera".


E per il Gp di Turchia è veramente tutto.

(commento e classifiche a cura di Riccardo Cangini)

Nessun commento:

Powered by Blogger.