Una fine assurda

L'episodio di Lewis Hamilton che si ferma in mezzo alla pista dopo il giro veloce della sessione di qualifica, e inizia a spingere la sua Mclaren proprio nel bel mezzo della pista di Montreal, ha fatto ritornare in mente a parecchi l'assurdo incidente che pose fine alla carriera di Ignazio Giunti, un pilota che in pochi Gran Premi disputati nel 1970 aveva lasciato intravedere un talento notevole.
Debuttò in Formula 1 il 17 Giugno del 1970 in Belgio con una terza file più che onorevole - considerando che il compagno di squadra Jackie Ickx, esperto e veloce, partiva in seconda fila - classificandosi quarto a fine gara. Umile e modesto, era riuscito a farsi rispettare e voler bene all'interno della squadra più prestigiosa del mondo. A Monza stette con il gruppo dei primi sino al momento del ritiro per problemi meccanici, e un "duro" come Mauro Forghieri si sentì in dovere di chiedergli scusa per quell'inconveniente tecnico che lo aveva privato di un piazzamento di prestigio nella gara di casa.
La sua vita finì a Buenos Aires nel gennaio del 1971 durante una gara per vetture sport, categoria in cui raccolse parecchie soddisfazioni. La Matra di Beltoise ebbe un problema tecnico, il pilota non accostò, si fermò in mezzo alla pista, scesa dalla vettura e iniziò a spingere.
Dietro di lui sopraggiunse la Ferrati di Giunti e...

Nessun commento:

Powered by Blogger.