Gp Germania 2010: i più e i meno

Ha vinto Alonso, lo ha fatto dopo aver fatto capire durante tutto il fine settimana di avere le capacità e la velocità di farlo, ma ancora una volta qualcuno ha deciso che con una domenica senza polemiche proprio a Maranello non sanno stare. La gran gara di Massa -  uno a cui ancora un po' si chiedeva di rifare l'esame della patente - meritava di essere premiata con una vittoria. Forse si poteva attendere prima di organizzare un sorpasso così plateale, del resto tra Hamilton e Button in Turchia la cosa era riuscita bene, evidentemente alla Ferrari certe cose non le sanno proprio fare. E' anche vero che sempre in Turchia tra i due della Red Bull era stato un disastro, e quindi al muretto rosso si saranno chiesti: perché rischiare? Comunque vediamo di non urlare troppo, certi giochetti fanno parte della storia e della realtà delle corse, e se in particolare guidi una Ferrari, sai che sarai sempre messo in secondo piano rispetto alla squadra, c'è poco da fare, anche per Felipe.
Vettel, ha sbagliato la partenza, cercando poi con una manovra stile "Webber" di murare Alonso, ma per lui probabilmente sarebbe stata comunque molto dura riuscire a tenere dietro le Ferrari. Per gli altri solo le briciole: Webber in un fine settimana decisamente no, e le Mclaren rassegnate a mangiare le polvere di quelli davanti.
E adesso sparite le pagelline da questo blog, vediamo i più e i meno da Hockenheim:


Piloti
Efficace:

Massa (il brasiliano ha sfruttato al meglio la lotta alla partenza tra Alonso e Vettel, ha tenuto benissimo il comando, solo le voci dal box lo hanno costretto a rinunciare a una possibilissima vittoria. Dopo le critiche mosse verso di lui una gara da vero protagonista, e che probabilmente avrebbe meritato una vittoria.
Buon prova anche per Petrov.)
Alguersuari (tamponare il proprio compagno di squadra non è proprio quello che si richiederebbe a un pilota. Gara da dimenticare per lo spagnolo.
Ancora un fine settimana poco positivo Liuzzi,.)


Combattivo:

Alonso (pieno di grinta e voglia di vincere sin dal primo minuto di prove, in gara ha pagato caro la manovra di Vettel, è sì riuscito a passare, ma ormai Massa si era bevuto la prima fila intera. Comunque era il più veloce in pista, anche se sarebbe stato molto bello vedere i due ferraristi lottare sino all'ultimo giro.
Grinta e punti pesanti anche da parte del solito Kubica.) 
Webber (dopo il fine settimana perfetto di Silverstone una tre giorni in cui non è mai riuscito ad alzare la testa rispetto a Vettel e alle due Ferrari. In gara ha perso un paio di posizioni fondamentali al via e i problemi tecnici al motore hanno definitivamente seppellito i suoi sogni di gloria..
Non hanno mantenuto le premesse della vigilia, Barrichello e Hulkenberg.)


Fortunato:

Alonso (i commissari hanno multato di 100.000$ la Ferrari per l'evidente manipolazione dell'ordine di arrivo, la sua vittoria invece è salva, non c'è bisogno di dire altro.)
Buemi (parte molto bene e poi si vede arrivare addosso il proprio compagno di squadra. Credo che nel suo ritiro di colpe ne abbia ben poche)


Auto
Efficace:

Ferrari (un fine settimana in cui la Ferrari è sempre stata in cima alla lista di tutte le classifiche, sia con Massa che con Alonso. E' da Valencia che si aspettava finalmente che il potenziale delle rosse potesse esprimersi: a Hockenheim è successo. Peccato per certi comportamenti, un vizio di forma che a Maranello non sanno proprio correggere.
Comunque competitive le solite Red Bull, il resto non è praticamente esistito.)
Mercedes (quello che sconcerta delle prestazioni - comunque altalenanti e deludenti - delle Mercedes è come nessuno in squadra riesca a fornire una spiegazione plausibile: piloti, tecnici, sembrano tutti confusi e in attesa di un fulmine dall'alto che ponga la vettura tedesca, e Michael Schumacher, in cima alle classifiche. Ma il cielo sembra decisamente limpido.
Solita prestazione da fondo classifica della per HRT, Virgin e Lotus.)

7 commenti:

Passione la ROSSA ha detto...

non posso che essere d'accodo con te.
Una piccola precisazione però la vorrei fare:
il muretto Ferrari è ingenuo (o meglio l'ingegnere di pista di Massa).

Certo 100.000 per la Ferrari sono pochi, ma spero che il deferimento alla FIA non porti altre sanzioni.

Telespalla Blog Sport and Race ha detto...

A me sembra chiara una cosa : chi và davanti alla prima curva se non ha problemi vince , e gli altri più passano i giri più si allungano , colpa dell'aereodinamica disturbata e del rialzo delle temperature , se sei più veloce ma dietro una vettura più lenta di un secondo al giro la passi subito , se 1/2 secondo fatichi molto ma puoi farcela ,e se sei solo un paio di decimi più veloce : niente da fare . in questa F1 è così , quindi basta proclami di strapotere di questo o quello .
Alonso ha poco da vantarsi , ha vinto 2 GP , il primo grazie ai problemi di Vettel ed il secondo regalato dalla scuderia .

acorba67 ha detto...

sì è vero, ed è un problema vecchio di anni, che si acuisce su certi circuiti.
Non si capisce come non sia già stato risolto, sembra quasi una precisa e voluta mancanza di volontà, boh

Passione la ROSSA ha detto...

Si parla sempre di modificare le monoposto affinchè l'aereodinamica sia il meno possibile disturbata, ma come ben dici acrobat le cose rimangano immutate.
Vedremo per la prossima stagione cosa si inventeranno, ma credo che cambierà ben poco.

Telespalla, è vero che Alonso ha due vittorie sulle "sventure degli altri".
Ma è anche vero che altri piloti (mi riferisco alla classifica piloti) hanno tratto vantaggio dalle sventure delle Rosse.

Per me l'ordine di scuderie era necessario. Alonso lotta per il titolo (almeno in teoria), Massa è troppo distante per impensierire quelli di testa.
Come ha detto Schumi, a fine campionato anche un punto, può fare la differenza.

Cangio91 ha detto...

Come avete detto in F1 i giochi di scuderia ci sono sempre stati, comiche le voci degli altri Team Manager che gridano allo scandalo.
Ma un'altra cosa che ho notato è stata la reazione di Massa. Diplomatico come da copione ma pieno di rabbia e frustrazione.
Per me nel 2012 sarà pilota di un'altra scuderia, stanco di essere il numero due. Come un suo certo connazionale.

Passione la ROSSA ha detto...

Purtroppo Massa ha perso un'irripetibile occasione a 100 mt. dal tragurado.
Credo che sarà difficile per lui, emulare quella stagione (2008)....oltre che i contendenti sono ancora di più e più agguerriti

Telespalla Blog Sport and Race ha detto...

Ci sono delle grosse differenze , dire ad un pilota di non attaccare il compagno di squadra o dare i pezzi migliori ad uno solo ( c'è sempre un telaio ed un motore migliore ) non è dare ordini di scuderia , invece dire ad un pilota di lasciarsi superare dal compagno è una cosa totalmente diversa e che fa' solo la Ferrari , l'ha fatto più volte con Barrichello e ha vinto un mondiale con Raikkonen e per poco non vinceva un'altro con Massa , è una cosa anti sportiva infatti vietata dal regolamento , ci vorrebbero pene chiare e applicate . La Ferrari fino a 2 Gp fà chiedeva pene chiare , dopo 15 giorni nè combina una delle sue e fanno anche finta di niente : fanno pena , ma sono ferraristi , quindi niente di nuovo .
E come se una squadra di calcio giocasse sempre in 12 contro 11 .
Nel 2008 Alonso ed Hamilton se le sono date di santa ragione e grazie ai giochetti della Ferrari a rischiato di vincere il mondiale Massa .
Se vogliono puntare su di un pilota solo lo devono mettere in chiaro subito e il n° 2 si deve fare da parte senza comunicazioni ridicole .

Powered by Blogger.