Gp Singapore 2010: i più e i meno

Cambiano le piste, cambiano gli avversari di turno, ma da un paio di gara a questa parte chi distribuisce vittorie e giri più veloci rimane sempre e solamente Fernando Alonso. Una delle migliori interpretazioni dello spagnolo, ancor più di Monza, perché se al Gp d'Italia la Ferrari era in una chiara situazione di vantaggio in termini di prestazioni rispetto alle concorrenti, a Singapore la vittoria di Alonso ha il gusto dell'impresa da ricordare. Vettel ha perso una gara che poteva fare sua, e poco è servito stare incollato agli scarichi di Alonso per sessantuno giri, forse doveva pensarci prima, un giorno prima. Webber non è praticamente mai entrato in "gara". Lui che vive di situazioni di trance agonistico, questa volta non c'è quasi mai stato, ma ha comunque raccolto un terzo posto che lo mantiene in testa alla classifica. Per Hamilton un altro zero in casella, ha faticato e remato per tutto il fine settimana, e - al solito - non si è tirato indietro quando ha intuiro la possibilità di passare Webber; è andata male, ma le corse sono queste.
Il problema per chi vuole aspirare al titolo mondiale è che con un Alonso così, i piazzamenti, anche a podio, rischiano di non essere sufficienti. Si deve solo vincere.
Vediamo comunque adesso di giocare con i più e i meno da Singapore:



Piloti
Efficace:

Alonso  (prosegue lo spagnolo nello sfruttare la vena ritrovata a Monza. Anche a Singapore ha riproposto la sua versione migliore, quella del martello implacabile che gli ha permesso di vincere due mondiali in presenza dello Schumacher "vero". Determinato, veloce e preciso nella guida, ha controllato benissimo il forcing di Vettel con una sicurezza disarmante. E adesso come le mettiamo con i suoi deliri estivi da campione del mondo?
Bella resistenza di Glock - al volante di una Virgin - senza errori, al cospetto di macchine ben più competitive, benissimo Rosberg, ancora bene Barrichello e Hulkenberg, ottimo Sutil, e anche Webber che in una giornata no porta a casa un buon piazzamento.)
Vettel (intendiamoci, è molto veloce, ma distribuisce intorno a se ancora troppe incertezze: quelle che gli impediscono di partire in pole per pochi millesimi, o che lo fanno balbettare al riavvio dalla sosta box. Certo è arrivato comunque secondo, ma Singapore era una gara che poteva e doveva vincere.
Niente da fare per Liuzzi, e il suo posto in Force India vacilla, certo non è fortunato, ma sono mesi che manca un suo guizzo. Senna prende clamorosamente paga da Klein)


Combattivo:

Hamilton (vede uno spiraglio e si infila, forse poco lungimirante, ma tremendamente racing. Che dire di Lewis? E' fatto così, lontano anni luce da tattiche, giochi di squadra, e alchimie varie, certo che poi perde un mondiale ogni due, ma all'ambiente fa sicuramente bene uno così) 
Aveva gomme fresche, ma lo show nei giri finali di Kubica ha esaltato parecchio.
Schumacher (passano gli anni, ma al tedesco non passa proprio per l'anticamera del cervello che combattività non significa speronare avversati stile Formula Ford anni settanta. In generale ormai le speranze di ritrovare tracce di competitività in Schumacher sono da rimandare a data destinarsi, regolamenti diversi, e chissà cos'altro di diverso!)


Fortunato:

Webber (questa volta l'umore dei commissari gli ha dato una grossa mano, perché ci fossero stati altri personaggi probabilmente avrebbe pagato molto più caro la collisione con Hamilton. Invece per lui nessuna penalizzazione e terzo posto, comunque meritato, portato a casa)
Massa (nel fine settimana in cui poteva dare una mano ad Alonso - e a se stesso - i suoi propositi si sono spenti ancor prima di accendersi. Ultima posizione in griglia e onestamente il decimo posto appare come una buona prestazione.
Alguersuari ha fatto delle gran belle qualifiche, ma poi è stato costretto a partire dai box. Per il povero Trulli problemi di tutti i tipi: cambio, gomme forate, e la sofferenza di guidare una Lotus 2010)


Auto
Efficace:

Ferrari /Red Bull(le due macchine si sono divise i settori della pista, difficile dire alla fine chi fosse la migliore nel cittadino di Singapore, forse un po' meglio le lattine blu, ma questo non fa altro che aumentare il valore della vittoria di Alonso..
Williams a suo agio tra le luci notturne, e le due macchine entrambe a punti ne sono la prova.)
Force India (sembra la brutta copia della vettura 2009 quando aveva dato l'impressione di essere pronta per il salto di qualità definitivo. Invece sembra sempre alle prese con qualcosa che le impedisce di essere a livello delle grandi squadre.
Toro Rosso da ultima del primo gruppo, poco da dire per Virgin, Lotus e Hrt.)

Nessun commento:

Powered by Blogger.