Gp Singapore 2010: qualifiche

La F10 scivola, è irrequieta, si fatica a controllare. La RB6 invece viaggia con tranquillità, mangia l'asfalto e danza sui cordoli e muri di questo strano tracciato notturno. Ovvio quindi pensare che la pole l'avrebbe conquistata quella macchina così temuta e perfetta, costringendo tutti gli altri al mero compito di inseguitori. Eppure qualche volta la Formula uno ci ricorda che il piede destro, l'abilità al volante, il coraggio dell'uomo è superiore a qualsiasi componente meccanico o pacchetto vettura. E oggi in fondo è avvenuto proprio questo.
Fernando Alonso conquista la pole position, piazzandosi davanti a quel Sebastian Vettel che sin dalle libere occupava la testa del gruppo. Un giro perfetto, con il motore che prima si mette a fare i capricci e poi fatica a tenere i comandi del pilota. Le gomme tengono la strada, Alonso fa il resto, e straccia tutte le previsioni e calcoli che si erano fatti alla vigilia.
La Red Bull comunque rimane la più forte. Vettel è secondo, sorride, da la colpa al traffico, ma intanto è secondo. Certo, la gara è domani e in due ore potrà accadere di tutto, intanto però un segnale è arrivato. Alonso lo vuole questo mondiale ed è pronto a lottare con i denti sino all'ultima curva.
Terzo Hamilton che si mette dietro lo scomodo compagno Button, ormai ufficialmente riconosciuto un degno campione del mondo, e Webber che deve fare i conti con la pressione mondiale, cosa a lui sconosciuta nonostante i tanti anni in F1.
Dietro ecco che Barrichello riesce a mettersi alle spalle la corazzata tedesca Mercedes e persino Kubica, oggi ottavo nonostante i circuiti cittadini siano la sua specialità.
La gara di domani potrà riservarci delle sorprese anche interessanti. Il modo in cui Alonso gestirà la pole, la voglia di vincere di Vettel, e magari anche il recupero di Massa, oggi ultimo tradito dal motore.
Intanto ecco la classifica della Q3.

Pos Pilota Team Tempo
1. Alonso Ferrari 1:45.390
2. Vettel Red Bull-Renault 1:45.457
3. Hamilton McLaren-Mercedes 1:45.571
4. Button McLaren-Mercedes 1:45.944
5. Webber Red Bull-Renault 1:45.977
6. Barrichello Williams-Cosworth 1:46.236
7. Rosberg Mercedes 1:46.443
8. Kubica Renault 1:46.593
9. Schumacher Mercedes 1:46.702
10. Kobayashi Sauber-Ferrari 1:47.884

(articolo di Riccardo Cangini)

Nessun commento:

Powered by Blogger.