Il sesso degli angeli

Rimandata la prima prova del campionato del mondo 2011 in Bahrain, da oggi in pista a Barcellona tutti i protagonisti della Formula 1 si ritroveranno per un'altra sessione di test. Questa volta ben cinque giorni, e anche questa volta le migliori menti automobilistiche saranno tutte lì a determinare il sesso degli angeli - aka competitività delle monoposto - sulla  base di ipotesi e congetture e analisi cronometriche di più o meno lunghi stint in condizioni di più o meno carico. La realtà - anche senza stare ad aspettare il responso di questa nuova sfornata di tempi - è che l'inizio di stagione 2011 è a forte rischio continuazione 2010: Red Bull e Ferrari a menare le danze, Alonso e Vettel in primis, ma anche Webber, e perché no Felipe Massa, subito lì ad approfittare della minima incertezza dei loro rispettivi capi squadra.
Ciò che sembra ancora da definire è il ruolo che due come Hamilton e Button potranno avere in questo campionato. E' innegabile che la nuova Mclaren se non è nata sbagliata comunque sta avendo parecchi problemi di gestazione e che la rinuncia alla trasferta in Bahrain sia stata un toccasana per il team di Woking, ma basterà questo tempo avuto in dono per capire e risolvere da subito i guai della MP4-26?
Anche in Mercedes non si fa certo la ola, Brawn ammette candidamente il secondo di distacco e se una decina di anni fa il secondo in questione lo potevi trovare nelle saccocce di Mister sette titoli, adesso la cosa non sembra più possibile. Schumacher è ritornato per sempre sulla terra, scordiamoci del diavolo in pista del biennio 1994-95, magari potrà vincere ancora, ma solo al volante della miglior - o quasi - macchina in griglia. Rosberg è atteso alla svolta della carriera, o altrimenti sarà ricordato come un altro di quelli bravo a svolgere il compitino e niente più.
E' eccitante invece pensare al trio Toro Rosso, Williams e Renault. Sarà molto interessante vedere gente come Buemi e Alguersuari - sotto pressione come non mai questa stagione -  il redivivo soldatino Heidfeld alle prese con l'occasione della vita,  il debuttante Maldonado, l'inossidabile Barrichello, con vetture in qualche modo competitive. E sarebbe stato ancora più entusiasmante se ci fosse stato il povero Kubica al volante della Lotus Renault.
Test con Lotus per il nostro Valsecchi e per Razia, compagni di squadra nel team GP2 Air Asia, mentre la HRT al solito non ha nemmeno ben chiaro con che piloti proverà.
Nell'attesa - magari - di assistere a cinque giorni di test in cui una HRT o una Virgin risulterà costantemente in cima alla lista dei tempi. E allora quelle scritte qui sopra saranno solo delle immense s.....

Nessun commento:

Powered by Blogger.