Non ci pensare nemmeno!

Jack Brabham dopo la gara dichiarò:
- Mi sono fermato subito dopo la fine della pitlane e sono subito sceso per capire cosa fosse successo. Quasi picchiavo la testa con uno dei miei meccanici accorso subito per capire il problema. Ero sicuro che dopo il warm-up della mattina avessimo adottato una carburazione più ricca ma avevamo anche imbarcato venti litri in più di carburante...
La gara in questione è il GP di Inghilterra del 1970, gara dominata da Jack Brabham sino a pochi metri dal traguardo, quando la sua BT 33 si ammutolisce consegnando la vittoria alla Lotus di Jochen Rindt. Il meccanico con cui Brabham rischiò la collisione si chiamava Ron Dennis, ma fu quello che Jack Brabham non dichiarò a fine gara che merita di essere raccontato.
Per farla breve il giovane Ron - di buona volontà certamente, ma all'epoca anche di poca esperienza - aveva clamorosamente sbagliato la regolazione degli iniettori. La consapevolezza dell'errore si materializzò nel momento in cui la Brabham BT33 di Jack non tagliò il traguardo in prima posizione, ma si ammutolì proprio all'ultima curva. Per una vecchia volpe come Jack Brabham la diagnosi fu pressoché immediata; e immediato fu anche capire che quel meccanico scorto con la coda dell'occhio, che scavalca di corsa le barriere con gli attrezzi in mano, con una solerzia perlomeno sospetta, quasi di soppiatto, deve mettere le mani sul motore prima di lui per nascondere qualcosa.
- Non ci provare nemmeno!
Così, a muso duro, Black Jack affrontò a muso duro Ron Dennis. E una frase del genere pronunciata da uno che veniva soprannominato "Black Jack" convinse istantaneamente Ron a desistere da ogni proposito di insabbiamento.

2 commenti:

sundance76 ha detto...

Nel 2006 Mark Hughes scrive:

""il meccanico della Brabham di Jack Brabham (il quale finì la benzina all'ultimo giro regalando la vittoria a Rindt), Nick Goozé, aveva erroneamente lasciato la regolazione del carburante della vettura sull'impostazione full-rich dopo il giro del warm-up. Il collega di Goozé, Ron Dennis, si avvicina alla macchina dopo la gara e viene visto da Brabham che, pensando che sia Dennis ad aver fatto l'errore, gli ordina di lasciare tutto com'è. Per decenni, molti hanno pensato che Dennis, poi diventato capo della McLaren, avesse fatto perdere la gara a Brabham. Dennis mantenne lealmente il silenzio e Goozé, alla fine, confessò dopo 33 anni, dopo essersi ritirato dal suo incarico di presidente della Penske cars."

acorba67 ha detto...

Bella questa, veramente bella, grazie per la "chiusura del cerchio".

Powered by Blogger.