Regole d'ingaggio e diritto all'autodifesa

Ha ragione Lauda. Da qualunque parte la si osservi l'ala mobile è un'idiozia completa. Fosse per Vettel sarebbe cestinata da tempo, per Massa sarebbe il caso di non esagerarne nell'utilizzo, l'affare del DRS, o Drag Reduction System, o ala mobile, è un affare indefinito, sembra una marachella compiuta da un ragazzino che poi è costretto a mille peripezie, verbali e non, per cercare di riparare all'errore. L'idiozia di tutta la faccenda è nell'unilateralità della soluzione DRS, e non dite che non esistono soluzioni alternative per aumentare le possibilità di sorpasso: riduzione delle superfici alari, abolizione del carbonio negli impianti frenanti, aumento del peso minimo e divieto di zavorra...
Utilizzare invece un metodo che sembra tanto un tiro al piccione in versione racing è un'eresia che non ha eguali nella storia dell'automobilismo mondiale. Se si va a vedere la storia dei regolamenti dei Grand Prix dai primi anni del secolo scorso ad oggi, ma era stata introdotta una regola atta a creare artificialmente e intenzionalmente un vantaggio di un concorrente nei confronti di un altro.
Adesso arriva la Malesia, poi la Cina, magari pioverà, ipotesi tutt'altro che remota e allora non si potrà usare nemmeno il marchingegno diabolico, o se si potrà utilizzare non si sa ancora quando e in che punto, forse in un rettilineo, forse in due, forse seicento metri prima della frenata, forse mille, forse più... MA CHE ROBA E'? CHE ROBA E'?!
Non importa che magari uno dei prossimi lunedì, dopo aver assistito a una girandola di sorpassi stordenti, leggeremo sui quotidiani colorati e non - quelli letti dalle persone che giusto la domenica si ricordano che è giorno di GP, non da chi la gara la sente nello stomaco dal giovedì pomeriggio come chi scrive in questo blog - l'ode alla nuova soluzione spettacolo della Formula 1. Da quando posseggo un minimo di senno ho trovato lo spettacolo in Formula 1 nella caccia all'avversario, nella ricerca del sorpasso, nella difficoltà di conquistarlo, e a volte quando avviene è come la fine di un bel gioco che vorresti durasse ancora.
Insomma Niki - mai dimenticato eroe della mia infanzia automobilistica - ancora una volta ha proprio ragione.

8 commenti:

Cangio91 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Cangio91 ha detto...

Con l'aria di crisi che tira la F1 sta cercando di rendersi appetibile al grande pubblico...in fondo è quello il segreto per evitare tempi ci carestia per tutti quanti.
Io preferisco aspettare ancora prima di decidermi. Perfettamente d'accordo sul fatto che così facendo il sorpasso viene forzato...ma in questa epoca non si riesce neanche a passare una vettura più lenta...ho ancora negli occhi Abu Dhabi 2010 con Hamilton che urla: "Questo è uno schifo"

acorba67 ha detto...

E' il concetto di avvantaggiare deliberatamente un pilota rispetto un altro che è contro lo spirito di una corsa automobilistica... non importa quanti e quanto saranno belli poi i sorpassi, sarà roba vuota. Parere da parte di uno che forse sente il peso dell'età:)

Cangio91 ha detto...

Un pregio che io non ho...anche io avrei voluto vedere in TV tutte quelle gare dai colori sfocate che ora sono impresse nella storia....UFFA!!!...:) Questa F1 comunque non smette mai di stupire, nel bene o nel male...

acorba67 ha detto...

il problema è che mai come in questi anni abbiamo avuto campionati del mondo avvincenti, molto più interessanti di qualsiasi anno 70 o 80... che bisogno c'era di mettere questa regola?

Cangio91 ha detto...

Perchè se si parla con chiunque di F1 ti dicono: "Se, la Formula uno, non la guardo perchè non si sorpasso mai"....e torniamo alla storia del grande pubblico e dei soldi che mancano...alla fine è questo il succo

Telespalla Blog Sport and Race ha detto...

Confermo per i campionati avvincenti , però molte gare sono state troppo noiose , colpa dei circuiti ? non credo , Monza è sempre la stessa da molti anni , ma ultimamente non si sorpassa se non ai box .
Sono per provare , se questo non funziona , almeno si è iniziato a fare qualcosa , poi come hai detto tu ci sono altre soluzioni .
Io , ad esempio , per ridurre i costi obbligherei i team a rendere pubblica agli avversari la loro tecnologia ogni 6 Gp .

acorba67 ha detto...

Geniale questa, l'importante però è
non creare situazioni artificiali

Powered by Blogger.