Gp Spagna 2011: i più e i meno

Incredibile come Barcellona si sia confermata pessima pista nonostante la Pirelli e il ventilato show del DRS che - per fortuna - non c'è stato nelle dimensioni previste. Dominio a due: Vettel e Hamilton hanno dato vita, dopo Shanghai, a un altro capitolo di una lotta che sta diventando un classico della Formula 1. Guida fantastica per tutti e due, per Lewis che non ha mollato un centimetro, per Seb che ha tenuto la testa con una freddezza impressionante non lasciandosi scoraggiare dalla brutta partenza.
Commovente e fantastico Alonso, un sollievo sapere che Fernando sarà in Ferrari per altri cinque anni, perché con uno così prima o poi qualcosa succede.  Adesso però ci vorrebbe anche una macchina che va anche il sabato pomeriggio oltre che il venerdì mattina, o che non risenta troppo dell'angolo di inclinazione del sole rispetto alla terra o delle fasi lunari:)
A grande - o meglio a unica - richiesta ritorna la "I più e i meno", mini classifica senza voti ritirata all'inizio di quest'anno ma che si è deciso di riesumare dopo aver letto una mail indirizzata al sottoscritto .

Piloti
Efficace:
Vettel/Hamilton  (guiderà pure la migliore macchina del lotto, ma Seb è diventato una sicurezza. Lo sguardo spiritato alla fine delle qualifiche anticipava la sua voglia di ribadire in ogni centimetro di pista che è il più bello del reame in questa Formula 1. E in questo momento il più bello è proprio lui, resistendo agli spettri di Shanghai che si stavano materializzando sotto forma di una McLaren alla spalle. Hamilton è in questo momento l'unica vera alternativa al tedesco, ce l'ha messa tutta, la sua Mclaren attaccata alla Red Bull sembrava quasi una cosa irreale, un miraggio creato dal dio delle corse per far divertire i propri fedeli: grandioso comunque)
Massa (cambiano le gomme, le piste, i regolamenti, ma la differenza di rendimento tra lui e Alonso è stata imbarazzante. Gara poco efficace anche per Webber, doveva essere la sua giornata, invece si è subito perso al via bloccando Vettel e permettendo ad Alonso di fregare le due Red Bull in carrozza. Come ha detto lui dopo la gara, non è stata la sua giornata.)


Combattivo:
Alonso (dopo il giro in prova da favola, una partenza da raccontare ai nipoti. Fernando ha dato il massimo ma non è servito a dare vita a una Ferrari isterica, capricciosa nelle prestazioni e nell'interpretazione delle mescole come un'adolescente prima di una festa di fine anno scolastico. Incredibile prova di Heidfeld che ha recuperato con ordine su una pista dove si è visto il sorpasso non sia stato per nulla scontato, e anche di Kobayashi che va a punti nonostante la foratura a inizio gara)
Petrov (partiva dalla sesta piazzola in griglia, ha creato uno scompiglio indescrivibile alla prima curva, ed è riuscito a finire dietro il compagno di squadra che partiva dal fondo della griglia. C'è da dire altro?)


Fortunato:
-- (n.d.)
Heidfeld (si è visto andare a fuoco la macchina il sabato mattina, poca fortuna anche per Massa che si è fermato per un problema tecnico, una roba quasi d'altri tempi. Per finire, ha vinto la corsa, ma per Vettel problemi al KERS in qualifica, problemi al KERS in gara, questa volta la dea bendata stava giocandogli un bello scherzetto.)


Auto
Efficace:
Red Bull (solo il KERS imbizzarrito la sta tenendo sulla terra, e chissà se l'abolizione degli scarichi soffiati non l'ancoreranno ancora di più al terreno. Per adesso però l'accoppiata Vettel-Red Bull è vicina alla perfezione di quelle stile Clark-Lotus, Senna-Mclaren, e non diciamolo troppo ad alta voce sennò il dio delle corse - sempre lui - mi fulmina all'istante. La Mclaren è sembrata la vera alternativa alla lattine blu, ma il distacco reale dalle Red Bull è quello di Hamilton o quello di Button?)
Force India (è insieme alla Williams la delusione dell'anno. Nemmeno gli aggiornamenti portati in Spagna hanno cambiato di molto la situazione.
E' da una ventina d'anni che si esaltano le soste ai box dei meccanici Ferrari, in Spagna si è visto come regolarmente gli uomini in rosso ci mettevano un secondo in più, e su quattro sono un'enormità: problemi di pistole? di dadi ruota? di tute strette o uomini stanchi? Qualcosa oltre alla F150 - o come diavolo si chiama - deve essere tarato dalle parti di Maranello.)

3 commenti:

Cangio91 ha detto...

Mitico Andrea, non credevo che facessi ritornare "i più e meno...P.S(La e-mail è colpa mia...XD)

Telespalla Blog Sport and Race ha detto...

la partenza di Alonso mi ha ricordato quelle di Gilles

acorba67 ha detto...

lì vedevi una roba rossa impazzita che risaliva la griglia e non si poteva sapere come sarebbe andata a finire la prima curva.. una cosa incredibile.

Powered by Blogger.