sabato 30 luglio 2011

GP Ungheria 2011: qualifiche

Certo per quanto riguarda la bagarre in pista e i sorpassi contro avversari ostici e performanti c'è ancora qualche cosa da migliorare, ma per l’abilità nel giro singolo Sebastian Vettel ancora una volta dimostra al mondo intero le sue uniche capacità. 
La Red Bull non è riuscito a replicare l’imbarazzante dominio mostrato qui nel 2010, dovendo battersi alla pari sia contro la Mclaren che Ferrari. La palla quindi è passata all’abilità del singolo individuo e il campione del mondo in carica, proprio all’ultimo giro disponibile, ha dato la zampata finale a una importante pole position, superando di slancio tutti i problemi patiti sette giorni fa in Germania.
Sia Hamilton che Button sono stati costretti alla resa, chiudendo in seconda e terza posizione ma solo rinviando la battaglia alla gara di domani. La Mp4/26 ha si un passo più lungo di tutte le altre vetture, ma grazie a un assetto ed equilibrio generale molto buono riesce a districarsi con agilità nei continui curvoni dell’Hungaroring, ridando sorrisi e speranze a tutti gli uomini di Woking dopo varie gare vissute nel mero ruolo di co-protagonisti. Chi invece si ritrova con più preoccupazioni che certezze è la Ferrari, veloce nelle libere di ieri e oggi alle prese con un eccessivo degrado dei pneumatici. Felipe Massa riesce finalmente a mettere il muso della sua vettura davanti a quella di Fernando Alonso, segnando un giro comunque buono e rispondendo alle - sin troppo esagerate - critiche di tifosi e addetti ai lavori. Lo spagnolo invece accusa troppi cali di prestazioni tra un settore all’altro, perdendo una terza piazza che poteva rilevarsi fondamentale per la strategia e per la corsa. Invece bisognerà ricominciare tutto da capo, con il podio improvvisamente duro e lontano.
Mercedes al solito non in grado di reggere il passo dei migliori mentre sia Sutil che Perez continuano con il loro periodo estremamente positivo, guadagnandosi di diritto la Q3 nonostante monoposto tutt’altro che perfette. 
Domani sarà una lotta al decimo di secondo tra strategie e giri veloci, e sei piloti - più di altri Vettel e Hamilton - sembrano in grado di puntare alla vittoria. 
A seguire la griglia dei primi dieci:

1. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 1'19"815
2. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes - 1'19"978
3. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'20"024
4.
Felipe Massa - Ferrari - 1'20"350
5. Fernando Alonso - Ferrari - 1'20"365
6. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'20"474
7.
Nico Rosberg - Mercedes - 1'21"098
8. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - 1'21"445
9. Michael Schumacher - Mercedes - 1'21"907
10.
Sergio Perez - Sauber-Ferrari - senza tempo
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0