Mansell boccia Hamilton. Che sta succedendo?

La notizia di per sé è nata, apparsa e dimenticata un po' in sordina. Troppo in realtà. Ma dopo così tutte le polemiche regolamentari delle ultime settimane, il silenzio e la pace acquistano un valore ancora più importante, un equilibrio che nessuno vuole rompere, almeno fino alla prossima corsa del calendario. Quindi, contando le poche ore che ci dividono dal GP della Germania, con l'atmosfera intorno sempre più frizzante, mi preme sottolineare una frase di Nigel Mansell riguardo Hamilton:
-Lewis non è maturo e non ha troppa testa. Penso che abbia bisogno di calmarsi. Il suo stile di guida a Monaco è stato molto brutto, in quanto non rispettava nessuno.
Pensiero tanto condivisibile quanto rispettabile, ma dopo molti giorni non riesco ancora a togliermi un dubbio, misto a paura. La critica infatti è firmata proprio da uno di quei piloti considerati più spettacolari e aggressivi nella storia della F1. Quindi Hamilton è davvero oltre le righe oppure è la categoria in sé che non può più accettare un pilota con un carattere così forte? Prima Monaco, poi il Canada e adesso l'Inghilterra. Con quel bellissimo duello all'ultima curva con Massa per un semplice quarto posto. E tutti di nuovo a chiedersi se il limite non è stato superato, indicando sempre Lewis come il pilota scorretto e irrispettoso.
Personalmente non riesco a vedere tutto questo. Vedo solo un immenso talento, un fuoco che brucia e rende la pista ancora più incandescente. Pazzia agonistica e carattere, proprio come quei miti che oggi i più grandi ricordano con il sorriso ed i giovani sognano e ammirano. Per condannare senza mezze misure il pilota che forse di più incarna il loro spirito.
Però poi si aggiunge anche Mansell. Proprio lui, il "Leone d'Inghilterra", spiazzando completamente l'opinione pubblica. Con dubbi e confusione annessi. Chi è ha ragione? Meglio la pazzia o la calma? Meglio prima o adesso? Certamente qualcosa sta andando storto, qualcuno qui sta sbagliando. Manca però il colpevole; ammesso che esista veramente.

Nessun commento:

Powered by Blogger.