giovedì 4 agosto 2011

Gp Ungheria 2011: beati gli ultimi

La Formula 1 è uno sport in grado sempre di sorprenderti, cambiando aspetto e forma praticamente a ogni stagione. La storia ci ha insegnato come il piccolo e tortuoso Hungaroring non sia mai stata terra di sorpassi, e che anche parecchi mostri sacri dell’automobilismo si siano dovuti arrendere all’interminabile trenino, accodandosi mestamente insieme a tutti gli altri. E invece, in questo pazzo 2011, anche l’Ungheria alla fine ha regalato importanti novità e risultati, uno su tutti l’impressionante scalata di Sebastian Buemi, partito dalla ben poco nobile ventitreesima piazza - causa penalità FIA - e terminando brillantemente in zona punti grazie all’ottavo posto. Ben quindici posizioni guadagnate a suon di sorpassi in pista e strategia gara azzeccata, il tutto in uno degli autodromi più ostici del mondiale. Onore quindi allo svizzero che riporta in alto le sue quote nella severa driver academy Red Bull, anche se il compagno Alguersuari non smette di segnare punti a ripetizione. Anche questa volta infatti la classifica segna un prezioso +6, portando lo spagnolo clamorosamente a ridosso dei primi e perfettamente in grado di giocarsi il titolo. Un recupero micidiale che riapre completamente il mondiale, anche grazie al costante d’Ambrosio, oggi terzo nonostante errori e testacoda - addirittura in corsia box - ma bravo ad approfittare delle disavventure di Heidfeld, ancora a zero questa volta causa “leggere intoppo” con tanto di monoposto avvolta da fuoco e fiamme.
Da segnare l’accesa lotta per il giro veloce, piccola variabile questa volta conquistata da Paul di resta giusto per una minima manciata di millesimi, ai danni dei due campioni della Toro Rosso. La Squadra di Faenza può comunque festeggiare degnamente i 100 Gp visto l’impressionante balzo in classifica generale sino al secondo posto. La testa invece è difesa egregiamente dalla Virgin, anche se tutto può cambiare e stravolgersi in puro stile F1.
A seguire le classifiche aggiornate.



MAGLIA NERA
Nessuna pietà o debolezza. Mentre la Red Bull pare essere tornata nel mondo dei terrestri, la HRT - ora non più Hispania causa cambio di proprietario - continua a monopolizzare il campionato lasciando agli avversari le mere briciola. Anche a Budapest la neonata coppia Liuzzi-Ricciardo fa il pieno di punti, consegnando sempre di più il titolo nelle mani della struttura spagnola già a metà campionato. Ed è per questo che le gesta del belga d’Ambrosio acquistano ancora più valore, l’uomo contro la perfetta macchina, uno contro cento. Dietro Liuzzi, il vincitore di giornata, troviamo appunto Jerome, clamorosamente sempre a punti sin dall’inizio del campionato e in grado già adesso di agganciare il prima inarrivabile Karthikeyan. Certamente se l’indiano avesse continuato la sua avventura nella massima serie allora anche per il titolo pilota la questione sarebbe stata pressoché chiusa, ma il destino - o qualcuno della HRT - ha voluto diversamente e ora in cima troviamo i due perfettamente appaiati, con l’attuale secondo pronto per l’atteso sorpasso già a Spa. HRT comunque non vuole lasciare nulla di intentato e, grazie anche a un Ricciardo in grado di togliere importanti punti agli avversari, lancia definitivamente il nostro Vitantonio nella rincorsa iridata. Difficile certo, ma non impossibile visto che i punti di differenza sono appena quattro e con la sua monoposto prendere il massimo del punteggio è davvero un attimo. Si prevede quindi una vera sfida tra i due per il trofeo più importante e, come in ogni campionato motoristico che si rispetti, solo il migliore vincerà. Notare infine l’esordio di Sergio Perez e della Sauber, arrivata solo ora qui da noi nonostante più e più volte il vecchio Peter abbia tentato strade e strategia più che coraggiose e fuori dal coro. Questa volta però qualcosa è andato storto, ma sono cose che succedono.
A seguire le due classifiche aggiornate:


E per il GP d'Ungheria 2011 è veramente tutto.
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0