Gp Corea 2011: i più e i meno

Forse Lewis Hamilton era così scuro in volto ieri dopo le qualifiche perchè sospettava che qualcosa bollisse nel pentolone blu della Red Bull. E infatti aveva ragione.
Ha iniziato il fine settimana nel deserto coreano attardato di due secondi, lo ha finito con un vantaggio abissale nei confronti di tutti gli altri piloti. E ha appena vinto il secondo titolo consecutivo: cosa bisogna dire altro di Sebastian Vettel? Che guida la migliore macchina? Certo la RB7 non è la peggiore, ma scommetto che in parecchi al suo posto avrebbero fatto peggio in questa stagione. Che è sempre davanti a tutti e non lotta con nessuna altro? Non certo per una lotteria, e la prima posizione in Corea se l'è guadagnata nel giro di due curve mordendo le spalle - e qualcos'altro - di uno come Lewis Hamilton. Che non aveva nulla da perdere? Gli altri invece hanno la nitroglicerina nel serbatoio?
Assurdità dettate da una cultura automobilistica che nel giornalismo - o pseudo tale -  in Italia raggiunge bassezze inenarrabili.
E allora  godiamocelo questo ragazzo che sta facendo pensare a parecchi che in fondo i record di Michael Schumacher non siano poi così irraggiungibili.
Detto di un Lewis Hamilton in versione Button, ottimo secondo di velocità e intelligenza; di un Webber ancora una volta incapace di tirare fuori quel guizzo in più dalla RB7; di un Button leggermente sottotono; di un Alonso - e di una Ferrari - capace di grandi cose ma anche di blackout inspiegabili; di un Algursuari stratosferico; di un Massa non troppo distante dal compagno di squadra, vediamo i più e i meno dalla gara di Yeongam:



Piloti
Efficace:
Vettel (Scommetto quanti pezzi nelle redazioni di mezzo mondo sono stati cestinati per colpa di Seb. Al via è stato come se per due giorni avessero scherzato; imprendibile per tutti. Veloce, intelligente, ennesima dimostrazione di come attualmente sia di gran lunga il miglior pilota in Formula 1. Non ci sono storie. Lewis Hamilton doveva riprendere un filo del discorso perso al Nurburgring: non ha vinto, ma per uno come lui una gara del genere è una mezza vittoria. Non ha esagerato nel duello del Webber, è stato veloce, costante giro dopo giro con l'ombra di Webber alle spalle, e per una volta strategico nel non rovinare le gomme e cedere alla sua grinta innata.
Senna (Finisce con la Lotus di Kovalainen a meno di due secondi. D'accordo i progressi Lotus ma questo ragazzo sta facendo rimpiangere il soldatino Heidfled. E per fortuna per lui che il suo compagno di squadra è Petrov, che centra Schumacher stile video gioco e si beve le buone possibilità che si era costruito in qualifica.)

Combattivo:
Alguersuari (Non contento di aver portato la Toro Rosso in zona punti non ha mollato l'obiettivo Rosberg. Era la lotta per il 7° posto ma è questo il modo con cui si passa da comprimario a protagonista in certi ambienti. Cito Alonso  per il cuore dimostrato nel finale e la dedizione alla causa quasi commovente, ma in realtà dalla prova Coreana ancora una volta si ritorna con un bagaglio di se e ma.)
Button (Leggermente deludente dopo i fasti giapponesi. Sono questioni di attimi, ma troppe volte le sue gare vengono complicate da partenze lente. Poi hai voglia di andare a superare due come Webber e Hamilton. Per Webber una vita passata dietro Hamilton con una vettura che appariva alla pari se non migliore. Anche lui era deluso a fine gara, e questo la dice lunga sulle sue sensazioni.)



Fortunato:
Alonso (Sbaglia la frenata e questo gli permette di girare largo ed così di essere centrato dalla pallottola impazzita Petrov. Non è sembrata una manovra voluta quella dell'asturiano.)
Schumacher (Il povero Michael si è visto la macchina mezza distrutta dalla Lotus-Renault di Petrov. Poche responsabilità e tanta saggezza nelle parole di zio Michael.)


Auto

Efficace:
Red Bull (Vince il titolo costruttori nel GP in cui sembrava quasi destinata abdicare nei confronti dell'arrembante McLaren. Hanno utilizzato l'unica giornata di prove asciutto per preparare la gara anche a costo di rinunciare alla pole, e l'incredibile Seb ha poi fatto il resto. Gran prova di squadra della Toro Rosso che porta entrambe le vetture a punti riscattando la deluzione di Suzuka.)
HRT/Virgin (Stesso commento del Giappone. Non danno mai l'impressione di uscire dalla crisi, né in qualifica e nemmeno in gara. La Lotus si è staccata da loro come prestazioni, e rimangono loro due le quasi GP2 intruse.)
Languagesit>en GoogleCE
detachment

Nessun commento:

Powered by Blogger.