mercoledì 12 ottobre 2011

Gp Giappone 2011: qualche grafico

La gara di Suzuka, oltre aver assegnato il titolo 2011 nelle mani di Sebastian Vettel, ci ha consegnato un Red Bull insolitamente difensiva, e in una delle piste in teoria a lei più congeniali.
Nel 2009 e 2010 era stato un monologo blu in quel di Suzuka, anche quest'anno ci si aspettava un mezzo dominio, e invece no. Strategie diverse e usura pneumatici, nonchè l'obiettivo del singolo punto da mettersi in saccoccia, hanno influenzato il comportamento dei protagonisti in pista.
Occhei: McLaren e Ferrari in recupero, ma la Red Bull di Sebastian Vettel, una volta resosi conto che la fuga in grande stile per questa volta non riusciva, è sembrata viaggiare in "Championship mode". Vale a dire soste anticipate per evitare ogni problema con il degrado gomme, e poca voglia di stuzzicare torero Alonso una volta arrivatogli alle spalle.
Ecco comunque la solita parata di grafici relativi al GP.
Partiamo dal grafico relativo alle posizioni in gara e vediamo le risalite dal fondo di Perez e Rosberg. Il tedesco-finlandese poi parte dal fondo griglia e, a differenza del compagno di squadra Schumacher a Spa, non capita nessun incidente al via a spianargli la strada e deve risalire sorpassando uno per uno i suoi avversari in una pista dove passare non è per nulla semplice. Grandi imprese di Nico e Sergio, complimenti.
You need to upgrade your Flash Player


Passando poi al grafico relativo ai tempi sul giro, è interessante notare come il tempo perso da Vettel nelle soste ai box sia stato sempre superiore ai due che l'hanno preceduto. Ed è anche interessante notare come sia Button che Alonso siano rimasti davanti al tedesco rispettivamente nel momento della prima e della seconda sosta. Si vede anche come i tempi di Alonso e Button migliorino rispetto a quelli di Vettel con il sopraggiungere della fine dello stint, a dimostrare una certa debolezza Red Bull in quel di Suzuka nel gestire il degrado gomme. Aggiungiamoci anche una certa strategia difensiva da parte di quelli della Red Bull, visto che l'obiettivo era portarsi a casa un punto, e il quadro è completo. Di tempo e gare per accertare l'effettivo recupero di McLaren e Ferrari ne abbiamo a sufficienza, vedremo cosa diranno a proposito i restanti appuntamenti del mondiale di Formula 1.

You need to upgrade your Flash Player


Qui sotto abbiamo il grafico relativo ai distacchi in gara. Concentriamoci sul finale di gara. Button nel dopo gara ha confessato di aver preso ispirazione dal modo di correre di Vettel in questo 2011 per gestire la fase finale del GP del Giappone. Andare al massimo solo quando serve: e l'acuto del pilota McLaren al 52° e penultimo giro sembra testimoniare quanto ne avesse ancora in tasca Jenson nei confronti dei due inseguitori.

You need to upgrade your Flash Player


Di seguito poi vediamo il grafico aggiornato al GP del Giappone relativo al confronto tra i giri più veloci in gara dei vari piloti nelle gare sin ora disputate.

You need to upgrade your Flash Player


Per finire ecco le classifiche in forma grafica, sia quella piloti...

You need to upgrade your Flash Player


...che quella costruttori:

You need to upgrade your Flash Player
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0