Scappatella ghiacciata

Dieter Quester e Hans Stuck, compagni di squadra nella squadra BMW impegnata nel campionati turismo verso la metà degli anni ottamta, erano il bersaglio preferito degli scherzi di un altro componente quella squadra: Gerhard Berger, uno che in fatto di scherzi era secondo solo al sommo maestro Nelson Piquet Sr.
La vicenda si svolge durante una trasferta invernale della squadra BMW in Austria.
Stuck simpatizza con una delle cameriere dell'albergo in cui i tre sono ospiti, senza sospettare che la ragazza in questione sia la figlia del proprietario. Berger, non appena Stuck si allontana un attimo, chiede alla ragazza di stare al gioco, e così Hans Stuck in men che non si dica si ritrova nella camera di lei; ovviamente al settimo cielo per la facile conquista.
La ragazza inizia a spogliarlo solo che nel momento più bello Berger e Quester bussano alla porta della camera fingendo di essere il proprietario dell'albergo. La tizia - grande attrice invero - dice a Stuck che non deve assolutamente farsi trovare dal padre con un uomo nella propria camera e convince Hans a uscire sul balcone per qualche minuto, giusto il tempo di sistemare le cose con l'ingombrante parente.
Il povero Hans Stuck accetta perplesso, e si ritrova al gelo e nelle neve praticamente in mutande. La ragazza chiude le tende, fa entrare in camera i due bontemponi, e poi le riapre, tra le risate di Berger e Quester e la viva disperazione di Stuck una volta resosi conto dello scherzo.
Ma la faccenda non finisce qui: i tre escono dalla camera lasciando il povero Stuck  prigioniero in mutande di un balcone ghiacciato.
Per lui l'unica soluzione è calarsi dal balcone, camminare nella neve sino all'ingresso dell'Hotel, suonare il campanello, ed essere ricevuto dall'incredulo, e ignaro di tutto, padre della ragazza.

Nessun commento:

Powered by Blogger.