Illuminazione

Il debutto in Formula 1 di Ronnie Peterson avvenne in occasione del GP di Monaco del 1970. A Peterson viene affidata una March 701 - macchina costruita in serie per essere venduta a clienti, una monoposto con cui nemmeno uno come Jackie Stewart in quell'anno riusciva a cavarci fuori qualcosa di decente - del team "Antique Automobiles".
Giusto per rendere la faccenda un pochino più complicata, visto lo scarso budget della squadra, lo svedese effettua solo pochi giri di ambientamento prima di presentarsi per le sessioni ufficiali del GP di Montecarlo.
Insomma, ci sarebbero tutti gli ingredienti per un debutto non proprio da segnare negli annali.
Invece lo svedese fa segnare un tempo eguale a quello della Lotus del "re" di Montecarlo, Graham Hill, e si mette alle spalle gente illustre: tipo John Surtees e le due BRM.
Durante una delle sessioni di prove svolte sotto l'acqua, Ronnie mette in mostra il suo stile di guida, completamente di traverso ma totalmente in controllo. Colin Chapman sbarra gli occhi di fronte a quella dimostrazione di destrezza:
- Chi è quel tipo? Lo voglio nella mia squadra.
Queste furono le parole di Chapman di fronte a quello "spettacolo". Fu così che nacque il rapporto - mai troppo tranquillo in verità - tra il pilota svedese e lo storico patron della Lotus.

Nessun commento:

Powered by Blogger.