Obbligati a vincere

E se anche quest'anno andasse male? Ancora è troppo presto per capire il vero potenziale non solo dell'attesa Ferrari, ma di tutti gli altri partecipanti al campionato più seguito nel mondo del motorsport, eppure a Maranello non si dormono sonni tranquilli.
I primi test a Jerez de la Frontera hanno probabilmente confermato quanto i tecnici in rosso sapevano da tempo: sarà una stagione delicata.
 Il distacco dalla Red Bull nel 2011 era davvero profondo e questa F2012 è nata non solo per riequilibrare i valori in pista ma anche per puntare a vittorie e titoli mondiali, riscoprendo sensazioni da qualche anno rese sempre più rare e difficili.
Ma se persino la monoposto col gradino, nata, disegnata e firmata più da menti inglesi che nostrane non riuscisse a rispettare le promesse date?
Certamente a Maranello la situazione diventerebbe incandescente e difficilmente controllabile. I piani alti punterebbero ad una rivoluzione ancora più profonda, puntando l'attenzione sopratutto verso le cariche direttive e manageriali. I tifosi poi perderebbero la già poco fiducia che hanno verso il metodo di Pat Fry, reo di essere troppo legato al mondo McLaren.
Se poi la Mercedes riuscisse nel sorpasso prestazionale grazie sopratutto al lavoro di Aldo Costa e il genio di Ross Brawn (entrambi ex-ferraristi) allora sì che la tempesta si potrebbe nominare "perfetta".
La Ferrari dunque è nella scomoda situazione di non poter fallire. vincere gare e giocarsi il titolo, ritornando a tutti gli effetti un top-team. Una sola via, una sola missione per scacciare spettri e ipotesi gravi ma, a quanto pare, necessarie.
Intanto la Red Bull però pare aver scoperto un altro stratagemma, sfruttando l'effetto dei soffiaggi caldi nonostante i vari veti imposti dalla FIA, incredibilmente superati senza fare troppi clamori. Si spera che la squadra italiana abbia già intuito la strada migliore, anche perché gli esperimenti degli scarichi visti in Spagna i giorni scorsi non hanno regalato gioie e carico aerodinamico extra. Chi ben comincia.

Nessun commento:

Powered by Blogger.