GP Australia 2012: cinque risposte (più due) da Melbourne

L'espressione che aveva sul podio era quella di uno che si era appena destato da un brutto sogno. Il brutto sogno in questione invece sorrideva al mondo intero e si chiamava Jenson Button; il sognatore non può che essere Lewis Hamilton.
Per l'inglesino, quasi ex fenomeno da titoli mondiali a raffica, la faccenda si sta facendo veramente difficile. Perché prima vedersi quel sorriso costantemente alle calcagna in qualifica, e poi volare via in gara con una facilità disarmante, va bene che siamo amici e la reincarnazione moderna e multietnica di Peter Collins e Mike Hawthorn, ma un po' le balle ti girano.
Anche perché non è la velocità sul giro a fare la differenza tra i due, ma il controllo di quello che succede da quando il semaforo si spegne a quando ti cala davanti agli occhi la bandiera a scacchi.
Lewis le ha provate tutte, cambiando fidanzata, separandosi dal manager padre, e lo sa dio cos'altro, ma dimostra di soffrire terribilmente la costanza di risultati e l'efficacia di Jenson Button.
Certo Hamilton rimane un genio assoluto in pista, uno per cui vale la pena di viaggiare giorno e notte per vederlo all'opera, ma il rischio è che il suo potenziale si disperda senza produrre tutte le vittorie di cui sarebbe capace. Potenza e limiti prerogativa dei geni.
Comunque, appurato che la lotta in McLaren sarà uno dei motivi principali d'interesse per questo 2012, vediamo le risposte alle cinque domande a cui la gara di Melbourne doveva dare una risposta:

1) Prima gara e prima pole Red Bull? Dico SI, sulla fiducia, ma ce ne sono un bel po' di nomi che potrebbero posteggiare al palo domenica.
2) Il vincitore della gara partirà dalla prima fila? Dico NO, perché il meteo potrebbe giocare qualche scherzo.
3) Incidenti alla prima curva? Dico SI, la prima frenata di Melbourne è sempre di quelle che lasciano il segno. Sbagliare questa sarebbe stato diabolico...
4) Meglio una Sauber o una Lotus a fine gara? Roba da lanciare il dado, ma punto sulla voglia di rivincita dei due Lotus. Di poco ma Kobayashi ha avuto la meglio.
5) Meglio Schumacher e Rosberg in gara?  Dico Schumacher perché quest'anno non può sbagliare proprio. Poteva andargli decisamente meglio, ma la sostanza è questa.
5+1) Chi vincerà il campionato del mondo di F1 2012? Vettel, lo ha detto anche lo zio Bernie, e poi vado con Alonso, un'altra garanzia.
5+2) Tre nomi per il podio? Button, Vettel, Raikkonen, e qui sono veramente tre nomi a caso...

Un vero disastro, peggio che mettere insieme il sabato di Kimi e la domenica Schumacher la domenica.
Vediamo però adesso le risposte degli altri concorrenti:

F1WEB.it dice
    1 no
    2
    3
    4 lotus
    5 rosberg
    5+1 button schumacher
    5+2 vettel rosberg button

Cangio91 dice
    1)SI: La Red Bull parte da favorita e Vettel nel giro singolo è terribilmente micidiale.
    2)NO. Rispettando il sogno di una gara/stagione combattuta.
    3)SI. Mondiale appena iniziato, adrenalina a mille e voglia di fare subito bene. Frittata pronta tra 3...2...1
    4)LOTUS. Raikkonen è pronto a ornare subito ad ottimi livelli e Grosjean promette davvero bene.
    5)SCHUMACHER. Il terzo anno dal suo ritorno. L'anno scorso il pareggio con Rosberg, quest'anno il sorpasso.
    5+1)VETTEL. Ammetto di avere un debolino per lui...ALONSO. Ammetto di avere un debolino per la Ferrari.
    5+2)VETTEL, BUTTON, HAMILTON. Si dice che Red Bull e Mclaren siano quelle messe meglio, quindi rispettiamo i pronostici.

Telespalla Blog Sport and Race dice
    1 - No
    2 -
    3 - No
    4 - Sauber
    5 - Rosberg
    5+1 - Per ora punto su Vettel e Hamilton
    5+2 - Button - Hamilton - Vettel

Simo dice
    1- si
    2- no
    3- si
    4- sauber
    5- schumi
    5+1- vettel, alonso
    5+2- vettel, button, hamilton

Ecco dunque, a meno di errori o sviste, la prima classifica della "Cinque domande".
Vero che ci sono ancora a disposizione 19 appuntamenti ma l'inizio per il sottoscritto non è dei più incoraggianti.


Ci si vede tra pochi giorni a Sepang.

Nessun commento:

Powered by Blogger.