domenica 18 marzo 2012

GP Australia 2012: i più e i meno

C'è chi fa il fenomeno nei test; c'è chi lo fa in qualifica; e poi c'è chi lo fa quando si spegne il semaforo. Jenson Button fa parte di quest'ultima categoria.
Jenson ha ripreso il discorso lasciato incompleto nel 2011, perfezionandolo. Gara vinta da dominatore, demolendo il rivale principale - il compagno di squadra - sin dal via e tenendo testa al tentativo di recupero di un comunque eccellente Sebastian Vettel.
Chi esce sconfitto da Melbourne è Lewis Hamilton che, dopo una pole devastante, sbaglia la partenza, e a quel punto hai voglia di tenere il passo di uno come Button quando davanti ha strada libera; certo  ci si mette anche la SC a complicargli la vita, ma alla fine è l'ultimo dei primi, e la sua espressione sul podio la dice più di mille parole.
Ferrari, al solito ormai, a due velocità. Alonso sembra guidare una versione F1-1, Massa invece una F1-2 quella riservata ai clienti capricciosi e danarosi. Alguersuari fa il cronista in BBC, se a Maranello non se ne fossero accorti.
Eccellente il debutto della coppia Toro Rosso, sia per Ricciardo - in zona punti dopo una toccata al via - che per Vergne, della coppia Sauber, e di un Maldonado che ha spinto al massimo per tutto il fine settimana, forse anche troppo visto il risultato finale...
Dopo l'incubo delle prove Kimi Raikkonen in gara ha dato segno di voler ritornare quello che era un tempo: con pochi giri di test invernali, un venerdì e un sabato pieno di problemi, evita, a costo di perdere posizioni, problemi al via e ritrova il ritmo gara sin dai primi giri. Alla fine, pur sempre in mezzo al gruppo, gira su tempi di tutto rispetto e recupera dal 18° sino al 7° posto. Sfortunato invece il velocissimo compagno di squadra Grosjean, che ha dimostrato invece in prova quanto sia veloce attualmente la Lotus-Renault.
Ecco comunque i più e i meno dalla luce sempre inebriante di Melbourne:



Piloti
Efficace:
Button (Melbourne gli deve piacere molto perché ogni volta che si ritrova qui Jenson trova il modo di apparire come la sintesi perfetta di Fangio-Senna-Schumacher... e Jenson Button. Finalmente gara positiva per Mark Webber che arriva quarto ma dà l'impressione per metà gara di avere un passo anche migliore di chi gli stava davanti. Peccato per l'errore finale ma impressionante il fine settimana di Maldonado che con una Williams ritrovata sta a livello dei primi per tutto il tempo).
Massa (Lento, impacciato, tamponato, alla fine si ritira, ma non riesce mai a dare un senso compiuto alla sua presenza in pista. La Ferrari è da decimo posto, con Alonso arriva quinta, con lui quindicesima. Cito anche Lewis  Hamilton, perché va bene la pole position, ma farsi infinocchiare in quel modo al via non va proprio, e il terzo posto per lui è da considerare una mezza sconfitta, soprattutto considerando chi ha vinto. Per Senna un incubo, visto soprattutto le prestayioni compagno di squadra)

Combattivo:
Vettel (Il sorpasso nei primi giri su Rosberg è il manifesto del perché uno ha dominato gli ultimi due campionati del mondo e l'altro non ha vinto nemmeno una gara. Seb è un grande anche arrivando secondo, anche senza avere la macchina migliore tra le mani. Solito animalesco Fernando Alonso,  recupera sin dal via, lotta come fosse un debuttante in GP2, ed è l'unico toro in rosso in pista... ma non Red Bull)
Rosberg (Torna dopo parecchio tempo alle spalle del compagno di squadra in qualifica, vivacchia poi in mezzo al gruppo in gara senza mai dare l'impressione di puntare a qualcosa, alla fine si tocca con Perez e riesce a non prendere nemmeno un punto. Inconcludente, anche se felice e miliardario; come dice lui.)



Fortunato:
Vettel (Quando la SC ti esce proprio a un paio di curve dall'ingresso box non può essere che un colpo di fortuna. Magari non ne avrebbe avuto bisogno ma l'ingresso tempestivo lo ha aiutato parecchio.)
Grosjean (Partenza non perfetta, e poi l'entrata di Maldonado lo frega dopo poche curve. Sfortunato anche Ricciardo che è costretto ai box dopo un giro e rovina una posizione al via che lo poteva portare molto più in alto del nono posto finale.)


Auto

Efficace:
McLaren (Pole e vittoria. Le monoposto di Woking hanno dominato il fine settimana di Melbourne. Se poi ci aggiungiamo la coppia di piloti migliore del lotto. Impressionante la crescita della Williams e anche di Toro Rosso e Lotus-Renault che confermano l'impressione data nei test invernali. )
Force India (Dopo le prove invernali sembrava veramente a ridosso delle squadre di vertice, invece davanti a lei ce ne sono parecchie di monoposto.)
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0