mercoledì 25 luglio 2012

GP Germania 2012: qualche grafico

Di colpo la "pazza" stagione 2012 sembra aver trovato pace. Niente più lanci di dado, scommettere su un Alonso a podio in ques'estate è investimento più sicuro di qualsiasi titolo di stato.
Rieccoci comunque alla consueta rassegna di grafici relativi al GP appena corso. Una gara vissuta sui vani attacchi di Sebastian Vettel e Jenson Button alla leadership dell'imperioso Fernando Alonso.
In mezzo la variabile impazzita Lewis Hamilton, che si sdoppia da Seb tra l'incredulità del campione del mondo, e per gran finale il sorpasso di quest'ultimo a Jenson Button giudicato troppo "osè" dai bigotti targati FIA in camicia blu.
Partiamo però dal grafico relativo alle posizioni. All'inseguimento della linea rossa ci si mettono tutti, come ovvio direi, ma in questo caso è meglio concentrarsi sulle posizioni di centro gruppo, in particolare è notevole la risalita di Sergio Perz, che risale sino ad occupare il 4 posto al 15 giro - certo ritardando come sua abitudine la sosta - e anche quella di Nico Rosberg che, partito 21, prova, e riesce sino a un certo punto, a risalire ma la sua rincorsa viene stoppata da un cambio gomme anticipato.
You need to upgrade your Flash Player


Passiamo poi al grafico relativo ai tempi sul giro. Obiettivi puntati su Fernando Alonso e su quanto abbia tenuto in pugno la corsa modulando il proprio ritmo in base a quello degli inseguitori. Un concetto affascinante direi impossibile però da confermare da queste curve. L'unica considerazione che vien da fare è la spettacolare costanza dei suoi tempi, decisamente meno variabili rispetto agli inseguitori, grazie anche al fatto di poter girare quasi indisturbato. Da notare anche come i tre protagonisti di testa abbiano avuto tempi nei pit stop decisamente simili, o comunque con differenze che poca influenza hanno avuto sul risultato finale.
You need to upgrade your Flash Player


Ecco poi il grafico relativo ai distacchi in gara. Button e Vettel si scambiano il testimone ma la sensazione rimane quella di un Fernando Alonso mai seriamente minacciato. Per Raikkonen ancora una volta troppo tempo perso nelle fasi iniziali, e hai voglia poi nel finale di piegare la propria curva verso il basso. Chissà se con l'introduzione stabile del doppio DRS in Ungheria le Lotus riusciranno a partire almeno nelle prime due file? Potrebbe essere la variabile impazzita della seconda parte del campionato. Go Kimi!
You need to upgrade your Flash Player


Per finire ecco le classifiche in forma grafica, sia quella piloti...

You need to upgrade your Flash Player


...che quella costruttori:

You need to upgrade your Flash Player
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0