Formula E... cosa?

Tocca parlarne, anche perché la faccenda "minaccia" di diventare parecchio seria.  La FIA ha deciso di istituire un nuovo campionato a partire dal 2014 per macchine a propulsione elettrica. Si chiamerà "Formula E", o qualcosa di simile.
Ok, c'era da aspettarselo, con i chiari di luna di questi tempi e la "scimmia" da crisi globale il minimo era questo. Caro vecchio motore a scoppio, per quanto performante tu sia, il tuo destino è segnato.
Chiariamo un concetto: non si tratta di sostituire la Formula 1 con un semplice annuncio, almeno così sembra. Il discorso è ben più articolato: stiamo parlando di un tentativo di rendere meno "penose" quegli affari silenziosi che ogni tanto capita di vedere in strada e che con cui sempre più avremo a che fare; di creare nel pubblico mondiale un'idea di autoveicolo elettrico più vicino a un sogno che a una costrizione dettata dalle contingenze.
Certo i 340 Km della Formula 1 di oggi saranno una chimera, la botta al ventre che ti prende quando a pochi metri passa un aspirato a pieni giri sarà un ricordo lontano quanto una battaglia napoleonica. Tutto si svolgerà come una processione silenziosa, in tempi e modi ancora da scoprire.
Per questo si leggono concetti del tipo "new racing experience" o "inusual locations".
Occhei sulla nuova esperienza di corsa - anni fa ho visto le Seat Diesel silenziose del WTCC e il rumore più evidente alla frenata della prima variante era il sibilio dei dischi dei freni - ma mi sfugge il concetto di "inusual locations". Si parla di correre in posti in cui la Formula 1 non potrebbe nemmeno pensare di provare, ma una corsa e una corsa, e i rischi, motore elettrico o a combustione, saranno sempre ben presenti.
Sarà interessante vedere l'evolversi della situazione, chi si presenterà al via della prima edizioni, sia come costruttore che come pilota, dove e quando si correrà, insomma, probabilmente ci guadagneremo tutti. Anche se difficilmente il nome di questo blog si trasformerà in "Yet Another FE Blog":)

Nessun commento:

Powered by Blogger.