sabato 24 novembre 2012

GP Brasile 2012: qualifiche

Aria di ultimo giorno di scuola per molti, atmosfera da pre-esame finale per altri. La fine della stagione è sempre un appuntamento particolare e anche in questo 2012 la storia non cambia. Parte avvantaggiato non solo chi possiede la monoposto più competitiva, ma anche chi ha la mente libera da preoccupazioni e l'animo sereno. Fatto raro tra titoli da vincere e sedili da difendere/trovare, sopratutto di questi tempi.
Problemi che però non riguardano in alcun modo i piloti della McLaren, sorpresi del netto passo in avanti fatto dalla squadra di Woking in questo finale di stagione e in grado di monopolizzare la prima fila con proprio il partente Lewis nelle vesti di poleman.
L'inglese segna il miglior tempo in una qualifica partita con asfalto umido e finita in condizioni di puro asciutto, gestendo al meglio una eccellente monoposto come conferma il secondo crono fatto segnare da Button. I due sono staccati di una manciata di millesimi, precedendo anche il duo Red Bull. A conferma di quanto detto all'inizio, la prima RB8 in griglia è quella di Webber mentre il campione del mondo in carica sbaglia troppe volte, siglando un quarto crono nè ottimo nè pessimo. La posizione resta buona ma dovrà assolutamente lasciar lontani i guai senza però perdere prezioso terreno, anche perché nei suoi specchietti troverà la rossa di un sorridente e carico Massa, tornato ad essere il pilota efficace di un tempo.  Ancora una volta il brasiliano sfrutta al massimo il pacchetto di Maranello mentre Alonso fatica sempre più a nascondere il nervosismo. L'iride ormai è diventata una vera impresa ma ancora è tutto possibile, sopratutto considerando l'arrivo della pioggia data per certa.
Una ghiotta occasione per lo spagnolo a patto di tornare a guidare con efficacia la propria F2012, cancellando l'ottavo tempo in qualifica a sottolineare una pressione psicologica che anche un campione del suo calibro fatica a gestire.
Di queste sue difficoltà ne approfittano Hùlkenberg e Maldonado, bravi a piazzarsi tra i migliori superando di slancio i limiti delle proprie monoposto. Chiudono la Q3 Raikkonen, munito del propulsore di Abu Dhabi dopo il guaio subito nella Q3, e Rosberg decisamente davanti a Schumacher, appena 14° nella suo ultimo sabato in Formula 1.
Ore di attesa dunque, prima di assistere ad una gara che si preannuncia una vera e propria lotteria, in pieno stile Interlagos. Ecco i tempi dei primi dieci in griglia.

1. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes - 1'12"458
2. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'12"513
3. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'12"581
4. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 1'12"760
5. Felipe Massa - Ferrari - 1'12"987
6. Pastor Maldonado - Williams-Renault - 1'13"174
7. Nico Hulkenberg - Force India-Mercedes - 1'13"253
8. Fernando Alonso - Ferrari - 1'13"253
9. Kimi Raikkonen - Lotus-Ferrari - 1'13"298
10. Nico Rosberg - Mercedes - 1'13"489
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0