martedì 19 febbraio 2013

Barcellona 1: giorno 1

Via da Jerez tutti a Barcellona, tutti, ma proprio tutti, compreso Fernando Alonso dato per pronto per un olimpiade in quanto a forma fisica. Tutti anche per il ripescato Adrian Sutil e per l’eterno pilota da muretto Jules Bianchi, i due in ballottaggio per l’ultimo sedile buono in Force India. Tutti anche quelli della Williams che finalmente prima dell’inizio della quattro giorni catalana presentano la nuova FW35 .
Il primo giorno scorre più o meno tranquillamente per tutti, anche se la temperatura bassa e l'asfalto sporco non fanno la felicità di nessuno. In pista ci sono i primi tre piloti del campionato 2012, Vettel, Alonso e Raikkonen; l’attenzione è concentrata soprattutto sullo spagnolo della Ferrari al primo assaggio assoluto della F138. Il contatto sembra positivo da subito: 110 giri senza problemi e a fine giornata da Fernando arrivano le stesse parole di Massa “la macchina è di un altro pianeta rispetto all’anno scorso”.
A fine giornata in cima alla lista dei tempi c’è Nico Rosberg che porta la sua Mercedes davanti a tutti nonostante un problema al cambio a limitare pesantemente i giri percorsi dal tedesco. Alle sue spalle il trio sopracitato, sempre lì a pronti a mordere, forse per non perdere l’abitudine, forse per l’istinto di primeggiare sempre e comunque, anche durante i test. Pochi giri per il finlandese impegnato a testare diverse parti e limitato nel chilometraggio da problemi al sistema rilevamento dati, mentre il tedesco campione del mondo ha girato sempre con parecchia benzina dimostrando di non puntare assolutamente al riscontro cronometrico.
Risponde molto bene ai primi chilometri la nuova FW35 nelle mani di Pastor Maldonado, i suoi scarichi - al pari di quelli della Catheram - vengono guardati con sospetto dai tecnici delle squadre avversarie ma il responsabile tecnico del team del vecchio Frank, Mike Coughlan, giura che è tutto regolare.
Sergio Perez perde parecchio tempo ai box alla mattina ma il suo processo di acclimatamento alla McLaren sembra procedere secondo programma. Per Daniel Ricciardo solo gomme hard, prove di aerodinamica, e una tranquilla giornata di ambientamento con la nuova Toro Rosso. Stesso discorso per la Force India di Paul di Resta e per l’altro messicano in pista, Esteban Gutierrez, impegnato ad acclimatarsi alle gomme Pirelli e alla Sauber su di un circuito meno claustrofobico rispetto a Jerez. Chiudono Max Chilton e Charles Pic con il secondo alle prese con problemi al cambio.
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0