GP Australia 2013: qualifiche

Scende la pioggia e per soli 29 € al mese la magia delle auto ferme ai box in alta definizione".Con una forte dose di ironia e critica, è stato questo il primo sabato della nuova stagione. Nella nuova era delle nove telecamere, mille interviste, definizione massima ecc.. ecco che l'intero circus si ferma ed abbassa le serrande dei box causa un violento temporale che ha allagato la lontana pista di Melbourne. Le prime avvisaglie erano arrivate anche prima l'inizio della Q1 quando nuvoloni carichi di poggia hanno coperto il cielo, rispettando le poco ottimistiche previsioni meteorologiche. Da lì a poco ecco la pioggia bagnare tutto il manto stradale con i piloti in cerca di grip e trazione. La direzione gara comunque inizialmente aveva dato l'ok e l'intera prima sessione si è anche svolta. 
Lewis Hamilton, Felipe Massa, Giedo Van der Garde, Sergio Perez e Esteban Gutierrez si sono resi protagonisti di diversi testacoda, con il debuttante messicano addirittura costretto a lasciare in mezzo alla pista la sua distrutta Sauber. Oltre ad errori ed incidenti però c'è stato spazio anche per tempi cronometrati, soprattutto nel finale con condizioni in timido miglioramento. Addirittura si è potuto montare gomme intermedie stilando una primissima tabella tempi con Nico Rosberg nelle vesti di leader, seguito da Fernando Alonso e Sergio Perez staccato però di ben nove decimi.Eliminati un delusissimo Pastor Maldonado, sia per aver trovato una Williams a sua dire inguidabile sia perchè il nuovo compagno di squadra Bottas è riuscito a far meglio, l'appiedato Gutierrez e tutti i piloti dei due team più piccoli, con Max Chilton addirittura fuori dal limite del 107% e dunque non qualificato per la gara di domani. Successivamente il maltempo è tornato a farla da padrona, costringendo i commissari a due rinvii per poi spostare le restanti Q2 e Q3 alle 11 di domenica mattina (l'una di notte qui in Italia), replicando quanto già successo nell'edizione 2010 del Gp in Giappone. Domani dunque full-immersion F1, ovviamente tempo permettendo. Meglio che niente, ecco la classifica tempi Q1:

1. Nico Rosberg - Mercedes - 1'43"380
2. Fernando Alonso - Ferrari - 1'43"850
3. Romain Grosjean - Lotus-Renault - 1'44"284
4. Sergio Perez - McLaren-Mercedes - 1'44"300
5. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'44"472
6. Felipe Massa - Ferrari - 1'44"635
7. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 1'44"657
8. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'44"688
9. Jean-Eric Vergne - Toro Rosso-Ferrari - 1'44"871
10. Lewis Hamilton - Mercedes - 1'45"456
11. Kimi Raikkonen - Lotus-Renault - 1'45"545
12. Paul di Resta - McLaren-Mercedes - 1'45"601
13. Nico Hulkenberg - Sauber-Ferrari - 1'45"930
14. Daniel Ricciardo - Toro Rosso-Ferrari - 1'46"450
15. Valtteri Bottas - Williams-Renault - 1'47"328
16. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - 1'47"330

Gli eliminati:
17. Pastor Maldonado - Williams-Renault - 1'47"614
18. Esteban Gutierrez - Sauber-Ferrari - 1'47"776
19. Jules Bianchi - Marussia-Cosworth - 1'48"147
20. Max Chilton - Marussia-Cosworth - 1'48"909
21. Giedo van der Garde - Caterham-Renault - 1'49"519
22. Charles Pic - Caterham-Renault - 1'50"626*

Nessun commento:

Powered by Blogger.