domenica 26 maggio 2013

GP Monaco 2013: i più e i meno

Spero che chi si ostina a difendere il senso di un GP a Montecarlo abbia visto quello che è successo questo pomeriggio. Se vi piacciono spettacoli tipo leoni in gabbia o elefanti su corde sospese, bene, fatevi una capatina verso fine maggio in quel del principato. E vi divertirete sicuramente.
La Formula 1 non è più quella di mezzo secolo fa. La storiella del circuito per piloti veri è uno specchietto per le allodole, o per il divo di Hollywood di passaggio, per il resto dopo aver assistito a quaranta GP di Monaco continuo a pensare che se uno come Clark non ha mai vinto mai da quelle parti un perché ci sarà...
Comunque, sterili polemiche a parte la gara di Montecarlo ci ha dato una Mercedes "miracolosamente" efficace non solo in qualifica ma anche in gara. Lo sapevano anche i pesci del porto che avrebbe vinto una Mercedes, pole sicura, asfalto meno aggressivo nei confronti dei pneumatici Pirelli, e se poi ci fai un paio di migliaia di chilometri di test prima di arrivarci...
Sono senza parole di fronte a quest'ennesima polemica: da qualunque parte la si giudichi. O uno è stato troppo furbo o tutti gli altri troppo fessi. Secondo voi?
Gran merito comunque per Nico Rosberg che è stato impeccabile per tutto il fine settimana, sempre davanti in qualifica, in gara è scattato in testa e nessuno è riuscito minimamente a impensierirlo. Ci si è messa di mezzo anche la bandiera rossa a dargli una mano. Fa impressione sopratutto il confronto con Lewis Hamilton; Lewis non è a suo agio, è chiaro, ma Rosberg sembra prenderci gusto con le sue pole - e adesso con le vittorie - nel non dare nessuna mano al compagno di squadra nel sentirsi a casa propria.
Delusioni per Alonso e Raikkonen, che per motivi e in modi diversi tornano da Montrecarlo con un quasi nulla di fatto, e compito svolto con diligenza da un Vettel tutt'altro che soddisfatto sul podio.
Fernando è parso sempre fuori luogo, strano per uno come lui, poco reattivo o comunque sempre in ritardo, doveva risalire dal sesto posto in griglia, è finito dietro. Per Kimi una chiusura di troppo nei confronti di Perez gli ha tolto un quinto posto che sarebbe stato comunque una mezza delusione. Alla fine con quattro giri pazzeschi ritorna in zona punti.
Detto di un fine settimana che sarà da ricordare - in negativo - nella carriera di Felipe Massa; di un Maldonado che a torto o a ragione ha demolito la scorta di musetti della Williams; di una gara che alla fine è stata un trenino di leoni in gabbia ecco i più e meno da Montecarlo:



Piloti
Efficace:
Rosberg (Trent'anni dopo il padre Nico riporta in nome Rosberg sul gradino più alto di Monaco. Perfetto e senza sbavature, impressionante, sarà anche casa sua ma anche io certe volte sbatto quando devo andare in bagno...  Gran bella gara anche per Sutil che dopo una serie di GP sfortunati ritona nelle zone alte della classifica, e per Vergne che per tutto il fine settimana è stato davanti al compagno di squadra. )
Massa (La dinamica delle due botte è straordinariamente simile, persino troppo simile per pensare a solo un fattore umano. Anche il compagno Alonso non è stato al suo solito livello, capita a tutti, anche a Fernando. Capita troppo spesso a Grosjean, un altro che ha svuotato il camion dei ricambi della sua squadra)

Combattivo:
Perez (E' stato il terrore delle chicane del porto. Ci ha provato con chiunquue gli capitasse a tiro, e gli è riuscito quasi sempre, tranne con... Raikkonen  sarà stato il casco dedicato ad Hunt, ma oggi non con lui non si passava. Lo ha ricordato a Perez e ad Alonso, infernale poi i suoi ultimi cinque giri, superando quattro macchine riesce ad andare ancora a punti.)
Button (Il buon Jenson si fa infilare da Perez e Sutil in un giorno in cui bisognava tenere chiuse tutte, ma proprio tutte, le porte. Intelligente certo, ma il problema è che oggi non si poteva proprio recuperare poi.)


Fortunato:
Vettel (Ha ricevuto il secondo posto come regalo dall'ingresso della prima SC. Fortunato, ma oggi era uno dei pochi modi di sorpassare.)
Hamilton (Quarto all'arrivo per colpa di una SC confusa e posizionata male, non avrebbe certo preso Rosberg ma il secondo posto era suo.)

Auto

Efficace:
Mercedes (E' demoralizzante la storia del test segreto con le Pirelli, ma nel dubbio, diamo gli onori alla casa tedesca per aver allungato la coperta che sino a Barcellona era sempre apparsa troppo corta. La Mercedes è apparsa dominante, si aspetta la conferma in Canada.) 
Ferrari (Per fortuna che di Montecarlo ne esiste uno solo, perché la F138 sempre tra le protagoniste è apparsa spaventosamente "scordata" rispetto agli avversari.) 
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0