domenica 30 giugno 2013

GP Inghilterra 2013: i più e i meno

Diciamo che a Silverstone si è giocato a chi perdeva nel modo più rocambolesco la gara. Prima Lewis Hamilton che ha inaugurato il festival delle gomme eplose quando al comando sembrava poter controllare la situazione; poi ha continuato Sebastian Vettel con il cambio della sua Red Bull che lo ha abbandonato quando anche lui sembrava veleggiare verso la quarta vittoria della stagione.
Hanno goduto quelli che sembravano gli sconfitti, Rosberg che si è preso una quaresima sul giro in qualifica da Hamilton, Alonso che forse si è fatto il cammino di Compostela per riuscire ad avere una domenica così.
Gara condizionata, oltre che dalle gomme Pirelli a livelli d'allarme in quanto ad affidabilità, dalle Safety Car, che hanno favorito le rimonte di Hamilton, Webber e Massa dati quasi per dispersi.
Detto delle Pirelli che esplodevano come palloncini a una festa di compleanno; del gran bel duello tra di Resta e Hamilton, che botte che si sono dati; di un Raikkonen prima a podio e poi vittima della solita tattica suicida Lotus; ecco i più e meno da Silverstone:


Piloti
Efficace:
Vettel  (L'espressione basita di fronte alla pole di Hamilton ha lasciato spazio a una gara che poteva concludersi in modo trionfale. Stesso discorso per Hamilton prima al comando poi in rimonta sino alla soglia del podio. Ha pagato la tattica alternativa del suo muretto, ma Raikkonen stava andando a podio con una macchina non certo da podio. Beh, sarà stato fortunato ma dietro a chi si è ritirato c'era Rosberg, quindi...)
Vergne (Dietro al compagno di squadra proprio nel fine settimana in cui Webber lascia li posto libero in Red Bull. Non il massimo per lui.)

Combattivo:
Massa (Se il risultato di prendere una botta il venerdì è quello di partire a razzo come ha fatto Felipe a Silverstone allora forse conviene sacrificare un telaio a fine settimama. Impressionante Alonso dopo il primo cambio gomme, si mangiava gli avversari come se guidassero carretti di carnevale.)
Button (Disperso insieme alla McLaren. Vabbè che a Silverstone non ha mai raccolto granchè ma tra le due pessime McLaren la sua è sembrata quella peggiore. Brutto momento per lui.)

Fortunato:
Rosberg (Certo non era molto distante da Vettel, ma ha vinto praticamente senza colpo ferire. Le porte gli si sono aperte "magicamente".)
Vettel/Hamilton (Cosa dire? Che i mille chilometri di test non aiutano contro le bucature? Che la sfortuna evocata da Alonso è entata in azione nel momento giusto? Sembrava tutti e due intoccabili, poi la gomme è esplosa, e il cambio si è bloccato, questa è pura sfortuna. Stessa sorte anche per Massa quando stava facendo un gran gara)


Auto

Efficace:
Red Bull (E' sembrata la migliore in configurazione gara, capito di non essere più la regina della qualifica sta proseguendo la metamorfosi verso l'eccellenza in gara. Occhio però alla Mercedes, detto che hanno agito violando palesemente le regole adesso fanno paura a tutti. La faccia scura di Alonso sul podio forse era per questo.) 
Ferrari (Non è andata così male come le qualifiche lasciavano prevedere ma sinceramente ci si aspettava molto di più dalla F138 a Silverstone. Deludente anche la Lotus, che solo grazie alla consistenza terrificante di Raikkonen è riuscita in qualche modo a lottare per una posizione a podio. E' come sparare sulla Croce Rossa ma come non citare qui la McLaren?
Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0