venerdì 18 ottobre 2013

GP Giappone 2013: beati gli ultimi

Già l'essere riusciti a rientrare nell'elitario giro della F1 dopo una torbida vicenda giudiziaria ed un anno lontano dalle gare può essere considerato un risultato decisamente importante. Ma a Adrian Sutil questo ormai non basta più e per mantenere quel sedile così tanto combattuto bisogna, necessariamente, portare al proprio team risultati e punti. Obbiettivo centrato dall'esperto tedesco nel fine settimana giapponese, salendo sul gradino più alto del podio per quanto riguarda la "Beati gli ultimi". Per quasi tutta la stagione Adrian non è riuscito a segnare prestazioni degne di nota salvo due giri veloci in due gare, andando via via ad occupare le posizioni più basse della classifica e perdendo anche il confronto con il compagno di squadra Paul di Resta. Situazione piuttosto scomoda e in parte raddrizzata con i nove punti odierni,con cui si avvicina ai piloti della fascia medio-alta ed entra in un gruppetto di sei nomi tutti piuttosto vicini . Il grande colpo però lo piazza Esteban Gutierrez, arrivato a Suzuka con il rischio di perdere la seconda piazza ai danni di Raikkonen e molto bravo nel finire secondo, a sole quattro lunghezze dal capo-classifica Pic. Charles  dovrà difendersi non solo dal giovane messicano ma anche da "IceMan" Kimi, reduce da un week-end praticamente perfetto e anche questa volta in grado di aggiungere altre tre punti al suo già ottimo bottino iridato. Il podio si chiude con Vergne, buon terzo proprio nel round dove il suo vicino di box Daniel Ricciardo strappa l'ultima posizione disponibile con tanto di giro veloce, tutta a favore della Toro Rosso ora in grado di allungare ed evitare le poco onorevoli ultime piazze,occupate invece da squadre piuttosto note come Red Bull e Mercedes e Ferrari. Molto bene Fernando Alonso, ormai da diverse settimane presenza quasi fissa in questo nostra speciale appuntamento tanto da riuscire a classificarsi ben quarto assoluto giusto dietro al suo futuro collega finlandese e permettendo alla Ferrari di agganciare la Williams, potendo addirittura puntare al terzo posto tra i costruttori in una stagione ben al di sopra delle aspettative.
Di sicuro la battaglia continuerà fino a fine calendario, lasciando aperte tutte le possibili opzioni e persino colpi di scena in grado di rivoluzionare l'attuale situazione, partendo già dalla prossima gara in terra indiana. Seguono le classifiche aggiornate.



MAGLIA NERA
E' un periodo storico caratterizzato dall'arrivo di giovani e terribili talenti. Ragazzi in grado di raggiungere traguardi incredibili con una apparente facilità, bruciando tappe e diventando veri e propri cubi per i loro più anziani colleghi. Discorso che possiamo tranquillamente riportare anche nella nostra "Maglia Nera" caratterizzata dall'arrivo quest'anno di Max Chilton, debuttante seriamente in grado di puntare già al titolo iridato tra poche gare. Dopo una serie di prestazioni in leggere flessione, l'inglese si è fatto ispirare dalla terra dei samurai riuscendo a conquistare un'altra preziosa. Nove punti decisamente strategici conquistati nel giorno in cui il suo rivale più diretto Van der Garde doveva ritirarsi già alla prima curva, aumentando ancora di più il già deciso distacco e potendo puntare alla matematica certezza dell'iride dalle prossime gare in poi. E quindi tutto in mano al bravo Max, quasi spettacolare nella capacità di evitare incidente o problemi tecnici finendo ogni week-end a punti, molte volte con podio o vittoria associati.
Senza Giego, la Caterham prova a rispondere con Charles Pic giunto secondo ma ormai troppo lontano dal capo-classifica per diventare una reale minaccia. Buon week-end per la Williams a punti con entrambi i suoi piloti, riuscendo a salire sul gradino più basso del podio grazie a Bottas che chiude un periodo decisamente negativo con i 4 punti odierni.
Quinta posizione a Sergio Perez deciso a rimanere nella parte alta della classifica generale allungando leggermente nei confronti del connazionale Gutierrez. Chiude la zona punti Adrian Sutil ancora fresco dell'inatteso successo coreano.
Tra i team la situazione rimane pressoché stabile anche se la Marussia è sempre più vicina al grande successo, lasciando alla rivale Caterham una seconda piazza di livello superiore se rapportata ai punti finora conquistati da tutte le altre squadre presenti. Ci si avvia dunque all'ultimo capitolo di questo 2013, le promesse saranno tutte rispettate? Seguono classifiche aggiornate.

Share this post
 
Posts RSS Comments RSS Back to top
© 2011 Yet Another F1 Blog ∙ Designed by BlogThietKe | Distributed by Rocking Templates
Released under Creative Commons 3.0 CC BY-NC 3.0