GP Abu Dhabi 2013: qualche grafico

Ci risiamo, se dal punto di vista emotivo comunque il GP d'Abu Shabi ha saputo regalare un minimo di emozioni, grazie soprattutto alle due Ferrari che hanno fatto di tutto per animare un altrimenti scontato GP, dall'altra parte non è così affascinante stare a disquisire sui grafici relativi alla gara di Yas Marina - cosi come anche quelli relativi alle ultime sei o sette prove di campionato.
Sebastian Vettel sta annientando ogni avversario, e anche nelle linee e nei numeri non c'è motivo e argomento per contrastare questa tesi.
Armiamoci di buona volontà e una buona dose di cieco e ottuso entusiasmo e partiamo dal grafico relativo alle posizioni in gara. Fa specie qui rilevare il mezzo disastro, anzi completo disastro, di Daniel Ricciardo che spreca una fantastica qualifica facendosi risucchiare in poche curve dal 9° al 16° posto. L'anno prossimo il simpaticissimo australiano dovrà vedersela con i vertici Red Bull e soprattutto con Sebastian Vettel, urge per lui una riconsiderazione del rendimento in gara, perchè altrimenti la vedo veramente grigia nel 2014.


Ecco, solo per ribadire il concetto, quanto Vettel sia stato superiore nel passo gara - soprattutto nella prima fase - e quanto abbia tirato i remi in barca nella parte finale permettendo a Webber, ma anche ad Alonso, di avere un ritmo quasi simile al suo. Che lo scarico centrale alto previsto per il 2014 riesca a cambiare tutto questo, altre soluzioni nel breve non ci sono.



Nessun commento:

Powered by Blogger.